Roma, immigrato indiano irregolare abusa di ragazza disabile: arrestato

Un immigrato indiano è accusato di violenza su una disabile. Questo il motivo che ha indotto i carabinieri della compagnia di Pomezia a porre in stato di fermo un cittadino indiano, irregolare in Italia. L’accusa per l’indiano è grave: aver violentato una minorenne disabile che abita nella zona. L’ immigrato indiano, un 27enne senza fissa dimora, dopo aver notato in una strada della cittadina vicino a Roma una ragazza di 16 anni affetta da una disabilità di apprendimento l’avrebbe avvicinata e afferrata per un braccio costringendola a seguirlo, con minacce anche di morte. Portata in un’abitazione l’avrebbe trattenuta per circa 30 minuti, abusando di lei. Al rientro a casa, la ragazza, con ecchimosi al volto e al petto, ha raccontato tutto ai genitori, che hanno presentato una denuncia ai carabinieri. L’uomo è stato individuato con ancora addosso gli abiti e gli accessori descritti dalla vittima. Alcune immagini di circuiti di videosorveglianza di esercizi commerciali lungo il percorso indicato dalla 16enne avrebbero inoltre immortalato i momenti in cui la disabile è stata portata nell’abitazione dell’immigrato indiano. La ragazza dopo essere  stata visitata in ospedale per le ecchimosi varie riportate, è stata dimessa con 5 giorni di prognosi. L’autore della violenza si trova ora nel carcere di Velletri in attesa della convalida del fermo.