Unioni civili, il centrodestra fa barriera: presto un incontro e iniziative comuni

Il confronto sulle unioni civili avverrà, molto presto, all’interno del centrodestra. La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, risponde per prima all’appello lanciato da Maurizio Gasparri a FdI e Lega per incontrarsi, discutere e lanciare iniziative su una questione di civiltà che da sempre ha qualificato l’azione del centrodestra. «Giorni fa ho ipotizzato una collaborazione tra Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia sul tema delle unioni civili, per difendere la famiglia ed evitare la deriva delle adozioni e dell’utero in affitto», ha affermato il senatore  di Fi, Maurizio Gasparri, di Fi.

Il centrodestra: no a uno stravolgimento antropologico

«Giorgia Meloni ha lanciato un analogo invito», dice ancora Gasparri, e «penso che ci si debba trovare prestissimo un incontro, per dar luogo a iniziative comuni del centrodestra, per evitare che una discussione, ammissibile, su diritti limitati, trascenda in uno stravolgimento antropologico dell’idea di famiglia, andando contro principi fondamentali non solo della Costituzione ma anche del diritto naturale. Il tema è dire no alle adozioni e battersi fermamente contro l’ipotesi dell’utero in affitto, che nella prassi o con le sentenze diventerebbe una realtà legale». La risposta è stata immediata. «Noi di Fratelli d’Italia siamo disponibili. Il centrodestra sia unito per dire no alla “stepchild adoption”, alle adozioni gay e all’utero in affitto», scrive su twitter  Giorgia Meloni, accogliendo in pieno l’assist.