Una festa della cucina italiana per dire no alla cotoletta “alla pechinese”

È la cotoletta alla milanese la protagonista della nona Giornata internazionale della cucina italiana che si celebra domani, con l’adesione di 1000 ristoranti di 70 Paesi. L’evento, noto nel mondo come Idic-International day of Italian Cuisines, ogni anno si incentra su un piatto tipico del made in Italy. Nelle edizioni passate ha messo sugli scudi la melanzana alla Parmigiana, gli spaghetti alla Carbonara, il risotto alla Milanese, le tagliatelle al Ragù alla Bolognese, la pasta al Pesto, l’ossobuco in gremolata alla milanese, il tiramisù e gli spaghetti al Pomodoro e Basilico. L’iniziativa, lanciata dal gruppo virtuale dei cuochi italiani (Itchefs-Gvci), network di circa 2000 professionisti dei fornelli sparsi in tutto il mondo, si propone dal suo nascere la difesa dei veri piatti italiani troppo spesso attaccati dalle imitazioni, non solo cinesi. La nona Giornata internazionale della cucina italiana domani mattina avrà una celebrazione dedicata a Milano, patria della costoletta, con grandi chef in collegamento video a l’Hotel LaGare, mentre costolette fumanti saranno portate sulle tavole dei ristoranti aderenti all’iniziativa. L’evento darà inoltre la possibilità di scoprire curiosità e cenni storici sulla vera costoletta – o cotoletta – alla milanese, le cui origini documentate risalgono al 17 dicembre 1134, quando fa la sua comparsa durante un banchetto di nove portate offerto alle alte cariche ecclesiastiche della città di Milano dall’abate della Basilica di Sant’Ambrogio, descritto da Pietro Verri nella sua Storia di Milano. La ricetta della costoletta di vitello alla milanese viene tuttavia pubblicata per la prima volta nel 1855, nel libro “Gastronomia Moderna” di Giuseppe Sorbiatti, che suggerisce di servire la pietanza accompagnata con lo stesso burro in cui vengono cotte le costolette, con l’aggiunta di fette di limone. L’evento di domani – osserva Coldiretti – “è un’occasione straordinaria per ricordare un piatto tipico del Made in Italy che viene troppo spesso offerto nei vari Paesi senza alcun rispetto per gli ingredienti originali”. «Non è certo difficile – sottolinea Coldiretti – trovare menu acchiappaturisti che nelle diverse parti del mondo offrono la costoletta alla milanese realizzata con carne di pollo o di maiale o fritta nell’olio di semi. L’International Day of Italian Cuisines è quindi un momento importante per far conoscere la vera cucina italiana, nelle sue espressioni autentiche e tradizionali».