Savona, esplode una palazzina: cinque cadaveri estratti dalle macerie

Una palazzina è crollata ad Arnasco, in provincia di Savona, in seguito ad un’esplosione dovuta probabilmente ad una fuga di gas. I vigili del fuoco, che stanno operando sul posto con diverse squadre, hanno già recuperato un ferito dalle macerie e stanno cercando diversi dispersi ma il bilancio è drammatico: cinque i corpi finora estratti dalle macerie mentre una donna è grave all’ospedale Villa Scassi di Genova: è una sudamericana di circa 50 anni. Secondo i sanitari, la sudamericana ha ustioni di terzo grado sull’80 per cento del corpo. Le sue condizioni, dicono i medici, sono disperate. La donna era stata trasportata in un primo momento all’ospedale di Pietra Ligure (Savona) e da qui trasferita con una eliambulanza dei vigili del fuoco all’ospedale genovese.

Il sindaco: «Mai visto nulla di simile»

Sotto le macerie, secondo i soccorritori non dovrebbero esserci altre persone. “L’esplosione si è verificata in una palazzina composta da quattro piani ed è stata piuttosto violenta. Io sono stato chiamato intorno alle tre”, ha detto il sindaco di Arnasco, Alfredo Gallizia, tra i primi ad intervenire in frazione Bezzo di Arnasco, che parla di “ambienti saturi di gas”. «Mai visto una cosa del genere se non nei film – ha aggiunto il sindaco – ci sono anche delle case con vetri distrutti. Sul posto stanno ancora lavorando le unità cinofile dei vigili del fuoco e i carabinieri. La casa – racconta il sindaco – si è sbriciolata. Gli ambienti erano saturi di gas ed èvenuto giù tutto. L’area è ora sotto sequestro su disposizione della Procura e presidiata dai carabinieri del comando compagnia di Alassio».