Milano, il cocker mette in fuga lo stupratore e salva la padrona

Il suo cocker l’ha salvata da uno stupro. È successo a una donna di Milano, che era a spasso con  il cane al Parco Lambro. Il tentativo di violenza è avvenuto di mattina ed è stato solo grazie all’intervento dell’animale se non è finito nel peggiore dei modi. L’aggressore, un cingalese di 21 anni, è stato arrestato.

L’aggressione al Parco Lambro di Milano

Quando il cingalese ha afferrato la sua padrona alle spalle, il cagnolino lo ha graffiato e ha tentato di morderlo. Anche la donna ha reagito mordendo lo straniero all’avambraccio e divincolandosi fino a metterlo in fuga. In stato di choc, ha chiamato la polizia e ha fatto un giro sulla volante in cerca dell’aggressore, trovato poco dopo su una panchina in via Licata, accanto a una struttura abbandonata. Il cingalese era scalzo, come la donna lo aveva descritto agli agenti, aveva un arrossamento all’avambraccio dovuto al morso e dei graffi sulle gambe causati dal cane. L’aggressore, residente a Milano, è risultato incensurato e regolare. La 37enne è stata portata all’ospedale Niguarda dove le hanno riscontrato tre giorni di prognosi per lo stato di agitazione.