Elezioni regionali Umbria 2015: Ricci vicino all’impresa, ma vince il Pd

Sezioni 1008 su 1012

Catiuscia MARINI (Partito democratico) 42,79%

Claudio RICCI (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Ap) 39,24%

Andrea LIBERATI (Movimento 5 Stelle) 14,31%

 

Elezioni regionali Umbria 2015: tutti i risultati live sul sito del Secolo d’Italia.

Dagli exit poll ai dati definitivi, tutte le informazioni che cerchi

Il Governatore uscente, Catiuscia Marini del Pd, cerca la riconferma nella regione più rossa d’Italia (insieme alla Basilicata). La sfida è con un centrodestra compatto dietro Ricci, che sfiora incredibilmente il colpaccio. Più indietro il grillino Liberati.

Il sindaco di Assisi, candidato per il centrodestra, addirittura sembrava in vantaggio, secondo alcune proiezioni. I voti veri hanno poi gelato le attese e raccontato di una vittoria netta ma non facile della Governatrice uscente, in una regione da sempre inespugnabile per il centrodestra, trainato da una Lega mai così forte sulle colline umbre. Forza Italia indietreggia e il M5S non sfonda. Alla fine il moderatissimo candidato del centrodestra perde di soli 4 punti percentuali in una sfida che sembrava già segnata ai blocchi di partenza. Un vero peccato. Ma si tratta di un risultato da cui ripartire per provare a scalare una montagna rossa, da sempre feudo del PCI prima e del PD oggi. Anche qui, come altrove la destra prende più del centro nel derby interno alla coalizione. Un dato su cui riflettere.

Ore 07:15 – Il vantaggio della Marini (PD) è importante: finisce 43,1 contro un ottimo 39% di Ricci. Pd primo partito con il 36,3%. Poi la Lega con il 14,7% davanti al M5S con il 14,4%. Forza Italia prende solo un basso 8,75%. Bene Fratelli d’Italia con il 6%.

Ore 01:25 – Le prime sezioni e le ultime proiezioni danno la Marini avanti di un soffio su Ricci.

Ore 00:46 – Dopo 12 sez., Ricci in risicato vantaggio a Perugia città. 42.1% contro 40.7% di Marini

Ore 00:35 – EMG per La7 invece vede la Marini leggermente avanti a Ricci.

Ore 00:10 – Gli exit poll di Piepoli per la RAI danno il centrodestra clamorosamente in vantaggio