Austria, uomo si lancia con suv sulla folla: 3 morti e 34 feriti

Ha provocato tre morti e 34 feriti l’uomo che nel centro di Graz, in Austria, si è lanciato sulla folla con il suo Suv. Alcuni testimoni hanno riferito di averlo visto colpire a caso, facendo in modo che il suv li travolgesse. L’uomo è stato arrestato. La polizia ha escluso la matrice terrorista: la strage sarebbe stata dettata, invece, dai problemi psichici del guidatore.

Un Land sotto choc

Secondo quanto riferito dai media austriaci, che hanno citato i testimoni oculari e le autorità locali, tra cui il sindaco, l’uomo «ha volontariamente» guidato il mezzo contro i passanti ed era «armato di un coltello», con il quale ha minacciato gli agenti che sono poi riusciti a bloccarlo. «Sono scioccato, colpito e sconvolto», è stato il commento del governatore del Land, Hermann Schuetzenhoefer, mentre è stata la polizia a riferire che dietro la strage non vi sarebbe alcun «fanatismo come movente».

Alla base della strage «una psicosi con risvolti familiari»

Sarebbero stati, invece, disturbi psichici a spingere l’uomo di 26 anni al volante del suv a lanciarsi in una corsa folle e indiscriminata contro la folla al centro di Granz. «Si tratta di una psicosi con risvolti familiari», ha detto il capo della polizia regionale, Josef Klamminger, durante una conferenza stampa.