Salvini su Milano: Berlusconi sindaco? Prima parliamo di programmi

Prende tempo Matteo Salvini sull’idea di Berlusconi candidato sindaco di Milano. Un’ipotesi contrapposta a quella che vedrebbe proprio lui, Matteo Salvini, in campo per la riconquista del capoluogo lombardo.  “Il nome viene dopo. Prima vengono il progetto, il programma e un’idea di Milano”, dice il leader della Lega a Radio Padania.

Ronzulli: se si candida Silvio non c’è spazio per Salvini

Ma in Forza Italia Licia Ronzulli non ha dubbi: per Milano Silvio Berlusconi saprà fare la scelta giusta. La candidatura a sindaco di Milano “è appunto un’idea pazza”, spiega al Corriere della Sera. “Certo che ne ho parlato con il presidente – afferma Ronzulli – ma è un’ipotesi che al momento non trova riscontri nella realtà, anche se Milano è la sua città, qui ha vissuto, qui ha lavorato, qui è nata Forza Italia. È lui – aggiunge – che ha scelto Albertini e la Moratti che sono stati degli ottimi sindaci. Sono sicura che anche questa volta saprà fare una buona scelta”. Sull’ipotesi che la candidatura di Berlusconi a Milano sia circolata come una mossa per frenare le ambizioni di Salvini, Ronzulli osserva: “Certo, di fronte al nome di Berlusconi cadrebbero tutte le altre ipotetiche candidature che ho letto in questi giorni. Berlusconi sarebbe una sintesi perfetta che renderebbe inutili le primarie” di cui però, senza l’ex Cav in campo, “è ancora presto per parlare. Dipenderà molto dalle alleanze che si metteranno in campo”.

Ridare orgoglio alla Milano del lavoro e dell’imprenditoria

Ronzulli spiega quindi che si sta lavorando “su un profilo pronto ad accogliere una Milano che arriverà dall’esperienza internazionale di Expo, in grado di risollevare una città che per cinque anni è stata violentata e umiliata dall’amministrazione di sinistra di Giuliano Pisapia. Una persona che ridia orgoglio alla Milano del lavoro, dell’imprenditoria, delle famiglie e dei quartieri”.