Marine Le Pen esulta: uno schiaffo mostruoso all’Europa delle banche

Un ceffone in pieno viso all’Europa, quell’Europa che doveva essere dei popoli ed è diventata la patria delle banche e dell’alta finanza. Un ceffone in pieno viso alla Merkel, ai suoi alleati, ai suoi scendiletto. Il voto in Grecia viene accolto da facili entusiasmi o eccessivi allarmi. Ma un dato è certo e lo mette in evidenza la presidente del Front National, Marine Le Pen, che si «rallegra per lo schiaffo democratico mostruoso che il popolo greco ha dato all’Unione europea». La Le Pen, alla radio Rtl, vede nella vittoria di Syriza un colpo all’Ue e una sanzione nei confronti della politica di austerity imposta alla Grecia.

Marine Le Pen: “Hanno causato solo sofferenze”

«Penso si tratti prima di tutto della sofferenza inaudita subita dal popolo greco sotto l’influenza dell’Ue da qualche anno – ha detto la Le Pen – ma anche la conseguenza della scelta di Nicolas Sarkozy (ex presidente francese, ndr), che era intervenuto nel 2011 per vietare lo svolgimento di un referendum. Abbiamo quindi perso tre o quattro anni. Se ci fossimo dedicati a sapere ciò che pensava il popolo greco, probabilmente la Grecia non sarebbe in questa situazione di oggi».

L’incendio a casa del padre

Ma subito dopo, attimi di paura per un Incendio in casa di Jean-Marie Le Pen, scoppiato a causa di un problema al caminetto. «La casa è andata a fuoco, mio padre era all’interno, è ferito al viso, ma niente di grave, niente di preoccupante», ha detto Marine Le Pen.

La vicenda di Jean-Marie Le Pen

Jean-Marie Le Pen, 86 anni, è stato portato via dall’abitazione in fiamme insieme alla moglie Jany, ma il «suo stato di salute non suscita inquietudini», ha detto una fonte del Front National. L’anziano fondatore del partito si «era rifugiato sulla terrazza» ed «è caduto mentre fuggiva alle fiamme».