Andrea Roncato a cena col Cav smaschera le facili ironie e le cattiverie su Dudù

A volte è semplice smascherare la facile ironia e anche una certa “cattiveria”. L’altra sera, per esempio, l’attore Andrea Roncato ha presenziato  alla cena di Forza Italia per il finanziamento del partito e la trasmissione di Radio2 Un Giorno da Pecora non si è lasciata sfuggire l’occasione di chiedergli di raccontare ai microfoni di cosa avesse mai parlato col Cavaliere. Andrea ha rievocato prima i suoi trascorsi lavorativi col Cav: «Conosco Berlusconi dal 1983, avevo cominciato a lavorare a Mediaset e lui era sempre lì con noi a quei tempi». Ma poi il duo Lauro- Sabelli Fioretti lo ha incalzato: «Cosa ha detto all’ex premier?». Risposta: «A me piace aiutare i cani abbandonati, i randagi in difficoltà, e gli ho parlato proprio di questo. Dudù va bene, ma dovrebbe pensare anche ai cani meno fortunati», ha spigato Roncato. La sensibilità per un tema che sta a cuore a tanti italiani è stata premiata. «E lui che ha detto?», chiedono i due conduttori. «Che lo farà. Non aveva motivo di dirmi una cosa che non farebbe, quindi gli credo». Spesso neanche il cagnolino Dudù è “uscito vivo” dalle polemiche e dalle invettive che hanno investito il suo illustre padrone, dalle ironie del web a quelle più spietate di un Grillo che nel pieno del furore implorò di mandare Dudù alla vivisezione. Ma poi si scopre, per fortuna, che c’è anche chi si astrae da tutto questo e coglie  l’opportunità di parlare di argomenti più seri. Bravo Andrea. Gli chiedono ancora:«Come lo ha visto?» «In gran forma, era molto sveglio e attento» è la risposta. I conduttori insistono: Berlusconi ha raccontato qualche barzelletta o ha parlato del bunga bunga? «Bunga bunga? A 80 anni avrà ben altro a cui pensare».