Berlusconi a Cesano Boscone. Ad accoglierlo una fan con il cartello “Silvio per noi da vent’anni”

Vigilia elettorale “sui generis” per Silvio Berlusconi che, reduce del comizio a Milano, intorno alle 9,30 è arrivato a Cesano Boscone all’istituto Sacra Famiglia per trascorrere la mattina con i malati di Alzheimer nel reparto San Pietro, come prevede il progetto di affidamento in prova ai servizi sociali. L’ex premier, alla sua terza giornata nell’istituto, è entrato nella struttura dal passo carraio, dall’accesso secondario, con la sua auto blu e accompagnato da due vetture della scorta. I giornalisti, una ventina tra cronisti, cameramen e fotografi, sono rimasti invece fuori dal centro, come prevedono le regole dettate dall’istituto per tutelare gli ospiti della struttura. Parecchi gli agenti attorno al perimetro della fondazione per garantire la sicurezza. Al suo arrivo il Cavaliere ha voluto evitare i giornalisti, ma ha fatto fermare l’auto all’ingresso per poter parlare con la pasionaria di Forza Italia, che lo aspetta ogni volta fuori dalla struttura per salutarlo. La donna, ormai un tramite tra giornalisti e l’ex premier, aveva con sé un cartello con scritto “Silvio per noi da vent’anni, noi con Silvio da vent’anni. La forza della fedeltà, sei unico”. Ai giornalisti la donna ha poi riferito che l’ex premier, sorridente e rilassato, le avrebbe detto «Hai visto? I giornali hanno riportato che ieri non ero in forma…», a proposito della chiusura della sua campagna elettorale. Fuori dalla Sacra Famiglia anche altri due fedeli militanti azzurri, tra cui un artigiano di Cesano Boscone in attesa di consegnare a Berlusconi una lettera nella quale chiede all’ex premier di regalare all’istituto un organo per la chiesa della Onlus, realizzata da artisti del paese.