Alain Delon fa infuriare i paladini delle nozze gay: «Siamo nati per amare le donne non gli uomini»

«Siamo nati per amare una donna, per corteggiarla. Non per rimorchiare un uomo e farsi sedurre da lui». Nel dibattito che tiene banco in Francia sulla legge che consente nozze e e adozioni gay,  interviene anche Alain Delon. Il sex symbol del cinema francese è intervenuto senza mezzi termini contro la legge. Lo ha fatto nel corso di un talk show su France5 dove la giornalista Anne-Marie Lapix ha voluto rilanciare su alcune dichiarazioni dell’attore al Figaro Magazine di luglio in cui Delon aveva espresso il suo rimpianto per la perdita del modello maschile. Delon aveva fatto presente di non essere contrario («Me ne infischio ampiamente») e di opporsi al diritto all’adozione (e non è l’unico). Ma poi aveva creduto bene di aggiungere: «Vivo male in quest’epoca che banalizza ciò che è contro natura». Nel corso del talk show la giornalista ha ripreso la posizione di Delon cercando di avere una risposta ancora più netta. Risposta che è arrivata: «L’omosessualità è contro natura, mi dispiace, è contro natura», ha tagliato corto l’attore francese. Subito dopo l’approvazione della legge Delon aveva espresso le sue posizioni sulla legge voluta da Hollande: «Che si sposino tra loro non mi interessa affatto. Quello che non mi piace è che adottino bambini». Sul web intanto si sono scatenate le reazioni furibonde di chi rinfaccia a Delon, il fatto che sia diventato una star del cinema mondiale grazie al regista Luchino Visconti, che della sua omosessualità non aveva mai fatto mistero. Altri invece hanno ripescato un’intervista di Delon del 1969 nella quale faceva ammissioni su qualche «passata relazione omosessuale». Oggi che Delon ha 78 anni resta il dubbio: la risposta di oggi è dovuta alla cattiva memoria oppure mentiva prima per poter lavorare nel mondo del cinema?

Il video dell’intervista di Alain Delon: «I gay sono contro natura»