L’ira funesta del deputato centrista: «Monti è il peggio, una cazzata allearsi con lui»

Non sembra un democristiano, di quelli miti e un po’ bigotti che hanno stuzzicato le fantasie e le ironie della gente per decenni. Per alcuni è irritante, perché non usa l’arma della diplomazia. Per altri è scomodo, non rispondendo ai canoni del galateo scudocrociato. Di certo Angelo Cera, deputato dell’Udc (o meglio, di Scelta civica), non passa inosservato, specie dopo l’ultima uscita, quella in cui ha mandato a quel paese i montiani e tutti coloro che hanno voluto l’accordo con il Professore bocconiano. Quasi un seguito rispetto a una scena riportata dalle cronache di gossip a Montecitorio (e non solo),  quella che l’avrebbe visto protagonista di uno scontro coi grillini dando del «mezzo coglione» a uno di loro, del «coglione intero» a un secondo. Di mezzi coglioni e coglioni interi, però, Cera sembra essere perennemente a caccia: «Con Monti noi dell’Udc ci siamo suicidati, è stato un matrimonio mai nato. Spero – ha detto a La Zanzara su Radio 24 – che qualche amico ai piani alti lo capisca e si metta il saio dell’umiltà. È stata una cazzata incredibile, una forma di suicidio come quando un pastore porta le pecore e le fa cadere nel burrone». Ma non solo: «Ognuno deve tornare a casa propria – ha aggiunto – “Scelta civica” non esiste più, sono solo generali senza truppa. Se vado dai miei concittadini di Foggia e dico che sto con Montezemolo come minimo mi menano, mi prendo un ceffone, mi danno un cazzotto in testa. Non lo possono vedere perché rappresenta una categoria di uomini che non capisce i drammi della povera gente. Noi democristiani – ha puntualizzato Cera – abbiamo rischiato tante volte di scomparire ma farlo con Monti è proprio il peggio. Ci hanno portato al suicidio alcune “intelligenze”, mica una sola persona. E Monti si è dimostrato un ingrato, una persona che bada solo ai fatti suoi, uno che pensa di stare nell’iperuranio, ma ce ne siamo accorti troppo tardi». Il problema è che non era solo Monti a pensare di stare nell’iperuranio e a pensare ai fatti suoi: Cera dovrebbe guardarsi attorno e magari distribuire altri ceffoni (verbali) ai vertici extraterrestri del suo partito.