Spezzata la targa di Largo Martiri delle Foibe a Firenze. FdI: “Gesto vigliacco, Nardella intervenga”

25 Gen 2023 12:56 - di Penelope Corrado
Nardella, foibe Firenze

“Ancora uno sfregio alla memoria degli italiani. La targa di Largo Martiri delle foibe a Firenze è stata distrutta. Non troviamo parole adeguate ad esprimere il nostro sdegno”. Lo dichiarano, in una nota congiunta, il capogruppo di Fratelli d’Italia nel Consiglio regionale toscano Francesco Torselli e il capogruppo a Palazzo Vecchio Alessandro Draghi, assieme al coordinatore cittadino FdI Jacopo Cellai. 

A pochi giorni dalle celebrazioni del Giorno del Ricordo

“L’ennesimo sfregio alla memoria dei morti e uno schiaffo alle famiglie istriane fiumane e giuliano dalmate  che tanto hanno sofferto il dramma delle foibe e dell’esodo”, commenta Giampaolo Giannelli, Coordinatore regionale per la Toscana dell’Unione degli Istriani.

“Un fatto gravissimo quello accaduto a Firenze.  E non è casuale che sia accaduto a pochi giorni dalle celebrazioni del Giorno del Ricordo. Firenze – continua Giannelli – si conferma purtroppo una città dove ignoranza, inerzia da parte della politica, mancata condanna di questi vergognosi fatti, rendono ancora possibile, nel 2023, siffatti episodi.”

FdI: “Ora individuare e punire gli autori del gesto vigliacco”

“La targa dedicata alle foibe – fanno sapere gli esponenti di FdI di Firenze – era già stata già oggetto di azioni vandaliche nel passato. Ogni anno, puntualmente, c’è qualche idiota che vuole esprimere la propria contrarietà alle celebrazioni delle vittime delle foibe. E non ci vengano a dire che i deterrenti sono le telecamere e i sistemi di sicurezza! Sarebbe l’ennesimo schiaffo etico e morale alle vittime. Serve anzitutto individuare i colpevoli e sanzionarli duramente. Sugli eccidi non si scherza. E se qualcuno – ancora oggi – vorrebbe cancellare quella pagina di storia e riabilitare mandanti ed assassini della tragica pulizia etnica che avvenne nella seconda metà del Novecento, noi saremo in prima linea per impedirglielo: anche per questo, il 10 febbraio – come ogni anno – saremo davanti a quella targa per onorare la memoria dei nostri connazionali”.

“Sulle Foibe a Firenze manca la memoria dei fatti”

”È mancata – sottolineano Draghi e Cellai – la dovuta severità da parte della sinistra nel riconoscere con chiarezza chi siano le vittime e chi gli aggressori in questa vicenda storica. Questo, combinato con l’inerzia delle amministrazioni pubbliche locali di Firenze nel promuovere iniziative per celebrare la memoria dei fatti, contribuisce ancora oggi a far sì che queste frange di cosiddetti antagonisti non siano state isolate come avrebbero dovuto. Chiediamo con forza che l’amministrazione comunale provveda quanto prima al ripristino della targa e che usi ogni mezzo a sua disposizione per individuare i responsabili di questo gesto vigliacco”.

Nella foto Ansa, il sindaco di Firenze Dario Nardella, la targa spezzata 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA