Meloni incontra Ursula von der Leyen. Fazzolari: la Ue incentrata sull’asse franco-tedesco ha fatto il suo tempo

9 Gen 2023 9:56 - di Redazione
Fazzolari

Il governo Meloni nasce per un cambiamento vero, per trasformare il Paese, per “risarcire” gli italiani onesti. Sono concetti che ribadisce oggi, in una intervista a Libero, il  sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giovanbattista Fazzolari. 

“Il governo – afferma – sta lavorando perché gli italiani non si arrendano e non diventino un popolo assuefatto a illegalità, ingiustizie e soprusi, rassegnati all’eccezione Italia, dove se vuoi aprire un negozio ti fanno morire tra tempi, regole, burocrazia ma se stendi un telo in strada e ti metti a vendere prodotti di ignota provenienza nessuno di dice nulla”.

Fazzolari: il governo Meloni punta a una svolta culturale

«Stiamo tentando una svolta culturale – continua Fazzolari –  per estirpare i mali che frenano ltalia. La sinistra, che ci ha convissuto e se ne è fatta forte, lo ha capito e dà fuori di testa. Ma anche le forze della maggioranza lo avvertono, si vede in consiglio dei ministri, dove il clima è positivo, le polemiche delle settimane seguite alla formazione del governo sono lontane e si marcia in un’unica direzione, perché tutti sanno che l’occasione è unica e la prospettiva di lavoro può essere di cinque anni».

“Il governo si è mosso a favore delle classi disagiate”

Respinge, poi, l’accusa delle opposizioni di avere dimenticato in manovra le classi più deboli. «Questo governo finora si è mosso prevalentemente a favore delle classi disagiate. Quanto alla recessione, non aiuta certo la decisione della Banca Centrale Europea di aumentare i tassi. L’impennata dei prezzi oggi non è legata a una fase espansiva dell’economia ma è dovuta soprattutto al rincaro delle materie prime. Alzare i tassi contrasterà poco l’inflazione, in compenso frenerà l’economia».

Oggi l’incontro tra Meloni e Ursula von der Leyen

E sull’incontro odierno di Giorgia Meloni con Ursula von der Leyen, a Roma per presentare il libro dell’ex presidente socialista dell’Europarlamento, David Sassoli, Fazzolari assicura che «i rapporti sono buoni, altrimenti l’Italia non sarebbe riuscita a portare a casa l’intesa sul tetto europeo ai prezzi, al quale lavorava l’ex premier Draghi e che è stato a lungo osteggiato proprio dalla Germania e dall’Olanda». Una intesa che fa definitivamente cadere la narrazione della sinistra sulla premier Meloni fuori dall’Europa o malvista dall’Ue. Si riparte invece, aggiunge Fazzolari, «dalla constatazione che una Ue eccessivamente incentrata sull’asse franco-tedesco ha mostrato grandi limiti. Lo dicono la crescente disaffezione dei cittadini verso l’istituzione, l’incapacità di farsi trovare pronti davanti alle grandi sfide della nostra epoca».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA