Incontro con la cultura di qualità: “magia” a Roma con “Didone ed Enea”, capolavoro barocco

5 Gen 2023 14:49 - di Antonio Saccà
didone enea

Non bisogna considerare perduta la battaglia anzi la guerra  per la civiltà espressiva , schiacciata dai mezzi di comunicazione di massa che possono degradare il  livello della cultura dando rilievo all’irrilevante per la potenza dello strumento con cui viene diffuso. E’giustificato il timore di una alterazione di valori  e che predomini quanto è massimamente diffuso, non la qualità. Ma è anche vero il contrario. Esiste una cultura dignitosa, coraggiosa, incurante della diffusione livellatrice, spesso alterativa, ripeto, della qualità.

“Dido and Aeneas” a Roma: esecuzione che riconcilia con la cultura

Piccoli gruppi più o meno sconosciuti hanno un riguardo interpretativo, una serietà di scelta che non esiste nei grandi consorzi clamorosi. Al dunque, poco nota al grosso pubblico, notissima e amatissima dagli appassionati di musica lirica: mi riferisco a Dido and Aeneas di un incredibile musicista inglese, incredibile perché l’Inghilterra non ha tradizione di opera lirica sua propria. Purcell (1659-1695) è un compositore barocco, il canto non è dispiegato in “arie” melodiche come avverrà successivamente, è segmentato, spezzato, mutato, sovente quasi un parlato con scatti improvvisi, animazione perpetua, inaspettata,  serpentinata, libera: un  raccordo di strumenti e vocalità acrobatico, non l’accompagnamento del suono alla parola ma  intarsio seghettato, millesimale,  una minuzia e avverrebbe la disarmonia. I cori  sono di una schiettezza stentorea, una rigidità fluida, se posso dire, solenni ma non gravi. Di una una solenne levità gli strunenti, pochi, quasi rustici, graffianti incisivi nell’ascolto. Una purezza stremata di suono , non un minimo superfluo , asciuttezze limpidezza semplice schietta pulita e pullulante di alti, bassi, sghembi, spostamenti, e una severità schietta ma non ossificata nei cori.

Esecuzione perfetta al Teatro Vignoli di Roma

Ho avuto l’occasione di ascoltare e vedere l’opera molti , molti anni fa, una buona rappresentazione: chi cantava come “strega” era una amica e la sua voce alquanto rauca dava al  personaggio rilvanza. Vengo a conoscere che  vi è una esecuzione. Temo ormai le esecuzioni di lirica. I registi strabiliano epoca, concezioni degli Aurori, e non è tollerabile. Invece! Perfetta esecuzione, anzi:quasi perfetta, per non dare limiti alla possibilità ulteriore.Magnifica la piccola orchestra, suoni asciutti ma non essiccati, graffiati, concisi , netti ,drammatici nella loro semplicità scarna, Le voci non perdevano un milligrammo  di connessione tra canto e accordo musicale.Un gioco a scacchi a mossa e risposta, nel barocco questo è impervio e fondamentalissimo perché il canto barocco non è un canto melodico ma “zigzaghino”:  quindi l’intersecazione con gli strumenti è udibile nettamente.

Gli stumenti non accompagnano ma entrano nelle voci e viceversa. Gli  interpreti adeguati ai ruoli. La storia è nota Enea, sconfitta Troia, ha   quale scopo dal Fato suscitare una seconda Troia. Roma costituirà l’impresa degli eneadi. Il testo è di Nahum Tate. Un approdo del viaggio di Enea è Cartagine, regna Didone, vedova di Sicheo, la quale si appassiona ad Enea, e lo vorrebbe tenere e trattenere. Le Streghe inducono Enea a partire inviando un falso Mercurio emissario di un Giove  inesistente. Enea tuttavia vorrebbe rimanere con Didone, la quale  delusa dalla incertezza di Enea lo abbandona. E soffre, canta una tra le massime desolazioni dolenti della musica e della poesia universale, invocando il ricordo da Enea.

La cultura “segreta” che salva la civiltà

Abiti bianchi,  coro  nitido, non sentimentalistico, categorico ma non rigido, rispettati i lineamenti sonori e ambientali. Le streghe le preferirei meno eleganti e alquanto sganasciate. Didone più straziata. E il canto dell’addio. Ma forse, una regina ha contegno pure  o specie nel morire. E Purcell non è un romantico. Quindi sia come è stato.  A quanto vedo, leggo, ascolto è una studiosa della musica antica e la musica  barocca a organizzare e dirigere l’insieme, Annalisa Pellegrini. I solisti ed il gruppo vocale hanno per denominazione RomEnsemble, il gruppo musicale CivicAntiqua. La coreografia dello spettcolo è di  Anna Colin. Didone, Laura Testa; Enea, Sofia Papadopoulos; Belinda, Cecilia Goletti; la Maga, Cecilia Alves Da Silva; due Streghe,Irina Boutychkina, Paola Mggiolini; uno Spirito,Irene Moretti; un Marinaio, Fedarico Della Rocca. Al Clavicembalo, Maria Lettiero.

Il tutto al Teatro Vignoli, via D’Alviano, I, Roma. Bene, ottimamente, Annalisa Pellegrini ed i gruppi nominati compiono ciò che è necessario, salvare la qualità, non farsi trascinare dalla diffusione quantitativa come valore valutante. I Cori, anche se costanti nella reiterazione, sono stati penetrantissimi, scanditi per sempre, e quella minuscola orchestrina che le mani di Annalisa Pellegrini dirigevano quasi di nascosto in un angolo del palcoscenico non si dimenticano. Una  cultura “segreta” che salva la civiltà. La coreografia è di Anna Golin.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA