Benedetto XVI, i particolari sul rito funebre: dalle esequie alla sepoltura, ecco cosa torna e cosa cambia

3 Gen 2023 21:06 - di Redazione
esequie Benedetto XVI

A due giorni dalle esequie di Benedetto XVI, il portavoce del Vaticano Matteo Bruni ha spiegato come si svolgerà il rito funebre: dai funerali alla sepoltura cosa prevede la celebrazione funebre per il Papa Emerito, che ricalcherà quella riservata ai Pontefici, con alcuni adattamenti. Chiarendo che, ci saranno elementi mancanti rispetto alle celebrazioni riservate ai pontefici e alcuni richiami al Papa regnante.

Esequie Benedetto XVI: ecco i dettagli dai funerali alla sepoltura

Le esequie di Benedetto XVI– previste per giovedì mattina alle 9.30 (e per cui risultano accreditati oltre 600 giornalisti) – saranno presiedute dal Papa che terrà l’omelia, e il celebrante sarà il decano del collegio cardinalizio, Giovanni Battista Re. La preparazione del rito funebre, che presenta elementi inediti data l’eccezionalità della situazione, è stata frutto di un lavoro di squadra dei cerimonieri pontifici che con tutta probabilità hanno tenuto conto anche del pensiero di Papa Francesco.

Al rito funebre sarà letto il Vangelo del buon ladrone

E ancora. Alle esequie funebri il celebrante leggerà il Vangelo del buon ladrone, tra i testi più amati e letti nelle liturgie funebri, perché è una lettura che offre consolazione a chi perde una persona cara. Nel dettaglio, i correttivi previsti per la celebrazione funebre, ha spiegato il portavoce della Sala stampa vaticana, riguardano ad esempio, le suppliche finali della diocesi di Roma e delle Chiese Orientali, che sono specifiche per il Papa regnante.

Cosa cambia e cosa resta rispetto alla celebrazioni funebre degli altri Pontefici

La bara di cipresso dove riposano le spoglie di Benedetto XVI sarà chiusa domani (mercoledì 4 gennaio ndr) nel tardo pomeriggio, con un rito particolare. Sarà la stessa utilizzata per i funerali. All’interno le personalità addette al rituale funebre metteranno le medaglie coniate nel corso del pontificato di Benedetto XVI. I palli (non si sa il numero) che ripercorrono la storia di Ratzinger. E il rogito in un cilindro di metallo, vale a dire il testo che descrive il pontificato del Papa in breve.

L’ultimo addio giovedì, giornata delle esequie funebri di Benedetto XVI

E ancora. Giovedì, giornata delle esequie funebri, come ha spiegato Bruni, la bara con le spoglie di Ratzinger uscirà dalla Basilica di San Pietro poco dopo le 8.50, per permettere il rosario dei fedeli. Quindi, seguirà la liturgia alle 9.30. Al termine dei funerali, si procederà con la sepoltura di Benedetto XVI nelle Grotte vaticane, nella tomba dove era precedentemente sepolto Papa Wojtyla, poi portato in basilica nel 2011 dopo la sua beatificazione.

Il feretro tumulato nella Grotte Vaticane

«All’atto della sepoltura – ha chiarito infine il portavoce del Vaticano – il rito prevede di deporre una fettuccia attorno alla bara di cipresso, con i sigilli della Casa pontificia. Dell’Ufficio delle celebrazioni liturgiche. E del Capitolo vaticano di San Pietro». La bara di cipresso verrà quindi messa in una di zinco, quindi in una cassa di legno che sarà portata nelle Grotte vaticane. La tumulazione avverrà in forma privata. Le immagini verranno diffuse in un secondo momento.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA