Daniela Santanchè, un’imprenditrice al Turismo: la soddisfazione delle associazioni del settore

22 Ott 2022 8:55 - di Sveva Ferri
daniela santanchè

Al ministero del Turismo ci arriva forte non solo della sua consolidata esperienza politica, ma anche, forse soprattutto, del suo profilo di imprenditrice di successo. Non stupisce, quindi, che la nomina di Daniela Santanchè a un dicastero che può davvero essere centrale nello scenario economico italiano sia stata accolta con favore dalle maggiori associazioni di categoria, che nelle congratulazioni di rito non hanno mancato di sottolineare la soddisfazione di vedere in quel ruolo una persona che conosce davvero il settore, le sue potenzialità e le sue necessità. «Metterò tutto il mio impegno per rilanciare il turismo in Italia e l’economia di migliaia di famiglie impiegate in questo importante settore», ha twittato ieri sera il ministro.

Daniela Santanché: la laurea, il figlio, l’imprenditoria

Santanchè, cuneese, 61 anni, laureata in Scienze politiche, madre orgogliosa di Lorenzo, muove i primi passi nel mondo dell’imprenditoria da giovanissima, partendo dal marketing. Arcinota la sua partnership con Flavio Briatore, del quale è socia nel Billionaire e al Twiga. Ma Santanché è imprenditrice a tutto tondo, impegnata nel settore dell’editoria a quelli del food e dell’arredamento.

Un lungo impegno in politica

Parlamentare di lungo corso, dopo tre mandati alla Camera, il 25 settembre è stata eletta per la seconda volta al Senato, con una clamorosa vittoria su Carlo Cottarelli nell’uninominale. Santanchè ha già avuto un’esperienza di governo come sottosegretaria all’Attuazione del programma nell’ultimo esecutivo Berlusconi. I primi passi in politica li ha mossi in An con la svolta di Fiuggi, iniziando dal territorio, a Milano, per poi approdare negli anni successivi alla Camera. In An si è occupata di Pari opportunità, prima di finire in rotta di collisione con Gianfranco Fini, per poi vivere l’esperienza de La Destra-Fiamma tricolore di Francesco Storace. Nel 2013 viene eletta con il Pdl alla Camera e quando il partito unico viene meno, aderisce inizialmente a FI. Poi, nel dicembre 2017 l’adesione a FdI, di cui poi diviene coordinatrice lombarda.

La soddisfazione delle associazioni di settore

Congratulazioni a Daniela Santanchè sono giunte dalle maggiori associazioni del settore che, sottolineando le difficoltà del momento, hanno espresso piena fiducia nel fatto che il nuovo ministro possa affrontarle al meglio. La presidente della Fiavet, Ivana Jelinic, ha sottolineato che il ministro del Turismo «è una figura indispensabile in Italia e sono certa che Daniela Santanchè eleverà questo ruolo con la sua concretezza e grande capacità di programmazione». Il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, ha assicurato che «tutti gli albergatori italiani sono pronti a lavorare al suo fianco, per sostenere lo sviluppo dell’economia del turismo e la produzione di reddito e occupazione, nell’interesse dell’Italia». La piena disponibilità alla collaborazione è stata annunciata anche dal presidente della Federazione turismo organizzato di Confcommercio, Franco Gattinoni, e dalla presidente di Federturismo Confindustria, Marina Lalli, che si è detta sicura che «una donna imprenditrice con la sua conoscenza del settore e le sue competenze saprà dettare la politica nazionale del turismo in un momento così delicato».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA