Conduttore di Russia Today vuole “annegare e bruciare i bimbi ucraini”. Kiev: “Incita al genocidio”

24 Ott 2022 16:33 - di Laura Ferrari
Russia Today

Il canale Russia Today è stato accusato di incitamento al genocidio dopo che un presentatore ha affermato che i bambini ucraini dovrebbero essere annegati o bruciati vivi. L’emittente statale russa la scorsa settimana ha sospeso l’ancorman Anton Krasovsky a poche ore dai suoi commenti, affermando che nessuno a Russia Today condivide le sue opinioni.

Il direttore dell’emittente Margarita Simonyan ha definito le parole di Krasovsky – uno dei giornalisti russi più schierati in favore della guerra – “bestiali e disgustose”, frutto di una “follia momentanea”.

Il conduttore, che è sempre stato uno dei giornalisti più convinti dell’operazione militare in Ucraina aveva commentato una testimonianza dell’autore di fantascienza russo Sergei Lukyanenko. Quest’ultimo stava raccontando di come, quando visitò per la prima volta l’ Ucraina negli anni ’80, i bambini gli dissero che avrebbero vissuto una vita migliore se i russi non avessero occupato la loro terra.

“Andavano subito annegati nel fiume Tysyna”, aveva commentato sardonico Krasovsky. “Da affogare, quei bambini erano da affogare.” In alternativa, aveva detto, “potevano essere portati nelle loro capanne e bruciati”. In un breve segmento dell’intervista sui social media, Krasovsky ha anche ironizzato, con qualche risata sguaiata, a proposito dei soldati russi che avevano violentato anziane donne ucraine durante l’invasione.

Il conduttore di Russia Today chiede scusa: “Durante la diretta mi sono lasciato trasportare”

“I governi che non hanno ancora vietato Russia Today devono guardare questo estratto”, ha detto su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, postando una clip dell’intervista. Il ministro Kuleba ha definito “incitamento al genocidio” le parole del conduttore televisivo. “Per questo – ha aggiunto – metteremo sotto processo questa persona, che non ha nulla a che fare con la libertà di parola”. “Russia Today va bandito in tutto il mondo”, ha aggiunto Kuleba.

L’account di RT è stato sospeso in Italia, Portogallo, Finlandia, Svezia, Irlanda, Slovenia, Repubblica Ceca, Polonia, Slovenia, Ungheria, Malta, Germania, Grecia, Romnania, Olanda, Bulgaria, Austria, Lussembrugo, Lituania, Regno Unito, Danimarca, Croazia, Lettonia, Estonia, Cipro, Francia, Spagna, Belgio. Krasovsky, riporta il Guardian, si è detto “molto imbarazzato” per essersi lasciato “trasportare” dai suoi commenti. “Beh, succede. Sei in onda, ti lasci trasportare e non riesci a fermarti. Chiedo perdono a tutti coloro che sono rimasti stupiti da ciò”, ha affermato Krasovsky.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA