“Su di noi” alla fine del comizio della Meloni. Pupo ringrazia: “La musica è di tutti” (video)

23 Set 2022 15:28 - di Luisa Perri
Pupo, Su di Noi

“Su di noi, ci avresti scommesso tu su di noi?”, chiede la canzone di Pupo, divenuta una delle più celebri della musica leggera. Quel brano, che ha fatto da colonna sonora alla festa di popolo del centrodestra, con l’intervento di chiusura Giorgia Meloni si è trasformato in un sorprendente riferimento a Fratelli d’Italia e alla sua crescita esponenziale. Non a caso il popolo del centrodestra che era piazza del popolo l’ha cantata ieri sera a squarciagola con genuina emozione.

Pupo ringrazia per l’uso di Su di noi

“A chiunque usa la mia musica io dico grazie, perché la musica è di tutti, come l’arte’”. Così Enzo Ghinazzi in arte Pupo in un video sui Social ha commentato la scelta di usare il suo brano ‘Su di noi’ per la chiusura del Comizio elettorale di Giorgia Meloni a piazza del Popolo a Roma.

Per Pupo la musica appartiene a tutti e non ha colori, sia ”che siano di destra o di sinistra – dice nel video che il cantante intitola proprio ‘Che siano’ – che siano atei o credenti, che siano rossi o che siano neri, che siano Guelfi o che siano Ghibellini, che siano conservatori o progressisti che siano juventini o fiorentini, che siano russi o ucraini”, conclude Pupo.

Pupo ha ringraziato per Su di noi. Quando De Gregori diffidò Craxi

Un ringraziamento non scontato da parte del cantante e autore fiorentino (ieri tra le canzoni che hanno fatto da playlist alla festa di piazza del Popolo c’era anche “Sarà perché ti amo”, brano che Enzo Ghinazzi ha scritto per i Ricchi e poveri). Non sempre gli artisti ringraziano quando le loro opere vengono impiegate dalla politica. Soprattutto se i politici non sono legati al Pci o ai suoi eredi attuali. Famosa la diffida di Francesco De Gregori nei confronti del Psi di Bettino Craxi per l’uso ai comizi di “Viva l’Italia”.

Più recentemente, Ligabue (con Stefano Accorsi e il produttore Procacci) è montato su tutte le furie per un video della Lega dove si citavano alcune sequenze del film RadioFreccia. Ecco perché il ringraziamento di Pupo non era scontato. E vale sicuramente doppio. Per dirlo con la sua canzone: “Su di noi, nemmeno una nuvola”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA