Sallusti: le procure preparano il “botto” contro il centrodestra per la fine di agosto. Il solito aiutino alla sinistra

4 Ago 2022 7:30 - di Redazione
Sallusti

Che sarebbe stata una campagna elettorale avvelenata lo sapevano tutti. E ne arrivano conferme ogni giorno. Lo sottolinea Alessandro Sallusti nel suo editoriale odierno su Libero, rilevando come anche i talk show siano ormai in pienamente schierati a favore dell’ammucchiata progressista.

Se vogliono apparire sul piccolo schermo – scrive – “gli esponenti di centrodestra devono subire il linciaggio di conduttori di parte, essere zittiti e continuamente interrotti a differenza di quanto accade con i loro colleghi di sinistra trattati in guanti bianchi. Se La7 è una rete privata che giustamente fa ciò che meglio crede, la Rai fino a prova contraria dovrebbe essere equidistante tra i contendenti ma i trucchi per sembrarlo e non esserlo sono vecchi come il mestiere del giornalista, mestiere che fior di letteratura avvicina non a caso a quello della prostituta anche se ci spacciamo come gran dame”.

Ma tutto questo, osserva ancora Sallusti, non è ancora sufficiente per far vincere Letta e soci. “No – conclude – ci vuole il botto, che come tutti i botti va maneggiato con cura e ben confezionato altrimenti rischi che ti scoppi in mano. Essendo noi per l’appunto prostitute frequentiamo gentaglia dei bassifondi nei quali l’olezzo è insopportabile ma c’è vita vera e nulla sfugge. Ecco, da quelle parti si dà per certo che si stanno preparando un paio di botti giudiziari – scoppio previsto fine agosto – di quelli tosti, qualcuno azzarda anche i nomi di figure politiche di primo piano nell’area di centrodestra. Si parla, nei bassifondi, di dossier già pronti tolti dai cassetti e messi sul tavolo pronti per la firma”. E’ il sistema raccontato da Palamara che si mette in moto. Anche quando gli italiani sono in vacanza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA