I grillini si insultano tra loro: «Patuanelli è la Boschi del M5S», «in lista i privilegiati»

20 Ago 2022 13:27 - di Aldo Garcon
Grillini

Malumori e polemiche tra grillini dopo che Conte (candidato in quattro regioni) ha pubblicato le liste dei candidati. Chiaramente ci sono quelli che brindano e altri che non nascondono i mal di pancia. A raccontare il retroscena di ciò che sta accadendo in queste ore all’interno del M5S è il Corriere. Come ampiamente previsto «i 15 nomi blindati dal leader sono finiti tutti capilista, ma ci sono scelte che hanno creato polemiche più di altre». Eccone alcune.

Polemiche e malumori tra i grillini, il caso Patuanelli

È il caso del ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli, finito in cima per il Senato non solo in Friuli-Venezia Giulia ma anche nel Lazio e in Campania. «Qui – scrive il quotidiano milanese – ha “soffiato” il primo posto alla più votata nella sua circoscrizione, l’uscente Anna Bilotti, e ha fatto slittare tra i supplenti Sabrina Ricciardi, che ha preso 1.217 preferenze. A riassumere lo stato d’animo di molti è la frase di un big: “Patuanelli è la Boschi del M5S: terzo mandato con pluricandidature”».

Grillini, in Calabria ora c’è chi pensa di rinunciare

Polemiche anche in Calabria, capilista per «le due Camere saranno i due esponenti dell’antimafia Federico Cafiero de Raho e Roberto Scarpinato. E così chi è finito tra i supplenti – come Maria Laface, Elisa Scutellà e Guglielmo Minervino (uscito dalle chat) – sta pensando di rinunciare», scrive ancora il quotidiano.

Le posizioni “privilegiate”

Ma, osserva il quotidiano milanese, «è proprio sugli uscenti che sono partiti altri borbottii: “La piattaforma li ha inseriti tutti in posizioni privilegiate…”». Parole dette in Piemonte. «Ha fatto storcere più di un naso la presenza di Chiara Appendino – si legge sul quotidiano – come capolista sia su Torino che nelle altre province: l’ex sindaca potrebbe essere inserita anche in uno o più collegi uninominali, le cui liste verranno pubblicate oggi».

Chi ha preso parecchi voti e si ritrova in seconda posizione

Il Fatto quotidiano racconta altri casi. «C’è comunque malumore – scrive il quotidiano – da parte di chi – durante le Parlamentarie del 16 agosto a cui hanno partecipato oltre 50mila iscritti alla piattaforma Sky Vote – ha preso parecchi voti e ora si ritrova in seconda o terza posizione nei collegi per i capolista proposti da Conte o perché vincolato all’alternanza di genere prevista dal Rosatellum. Regole già note, ma ora che viene messo tutto nero su bianco emergono le anomalie».

Grillini, altri casi

Eccone alcuni. C’è quello di «Valentina Corneli, seconda più votata in Abruzzo con 643 preferenze alle spalle di un’altra donna (Daniela Torto), che finisce però terza in lista dietro Livio Sarchese che ha preso 400 voti in meno. Oppure, scrive il quotidiano, Anna Laura Orrico, la seconda più votata in Calabria (513 preferenze), che finisce addirittura quarta nel collegio della regione dopo De Raho, Vittoria Baldino e Riccardo Tucci che ha ottenuto 50 voti meno di lei».

Chi potrebbe non essere eletto

«In Lombardia 3  – scrive ancora il Fatto – Sorial è invece il terzo più votato ma diventa comunque capolista perché le due donne che lo precedono (Sonia Lisotti e Monica Ferraris) vengono dirottate in un altro collegio lombardo. Il più votato in Lombardia 1 è Davide Buffagni, fratello dell’ex sottosegretario Stefano, ma è stato messo in terza posizione (dietro Sara Montrasio) e quindi sarà difficilmente eleggibile».

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA