Calenda non lo sopporta più nessuno. Di Battista: «Hai le natiche al posto delle guance»

27 Ago 2022 11:55 - di Girolamo Fragalà
calenda

Straparla da settimane, Carlo Calenda. Fa il maestrino con la bacchetta in mano. Sale in cattedra e mette i voti a tutti. Distribuisce insulti a destra e a manca, forse pensando di poter catturare una fetta di elettori. Per lui «la Meloni spaventa» e «Berlusconi non è più in sé». A Salvini riserva insulti: «Dici cretinate» e «Papeete, studia prima di parlare». «Se vuoi continuare a baciare le mucche, fallo pure» Strapazza pure Albertini, che confessa: «Mi ha trattato come un questuante». Nel suo mirino finiscono pure la Bonino e Letta, al quale non risparmia uno sfottò: «Ti sei fregato da solo». Poi si atteggia a ragazzino, annuncia di sbarcare su Tikok. E cerca di fare anche lo spiritoso:  «Io non so ballare, sembro un orso ubriaco. Non posso dare consigli di make up perchè ho la pancia e sono brutto».

Calenda pariolino o burino: le reazioni

Ma ormai non lo sopporta più nessuno, perché il suo gioco è fin troppo evidente. Fa il pariolino e il burino a seconda delle occasioni, presuntuoso e anche ”saputello”. Alla ”lei non sa chi sono io”- L’ultimo, in ordine di tempo, ad attaccare il capo del Terzo Polo è Alessandro Di Battista: «Ti permetti di dare lezioni di coerenza agli altri? Mamma mia, le natiche al posto delle guance!», scrive su Twitter. E Berlusconi non intende perdere tempo a discettare su di lui:  «Cosa ne penso di Calenda? Preferisco parlare di cose serie…». Antonio Tajani è sferzante: «Chi comprerebbe un’auto usata da Calenda? Nessuno», dice. E Roberto D’Agostino non gli fa sconti: «Calenda mi sembra un bipolare con qualche disturbo di personalità». Nicola Frantoianni completa il quadro: «Lo lascio giocare con le figurine». Il «lei cono sa chi sono io» non ha funzionato. Ne hanno tutti le tasche piene, soprattutto gli elettori che sono stanchi del suo teatrino.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA