Berlusconi lancia la Meloni: “Ha il mio stesso coraggio, da sinistra sento solo i soliti insulti”

7 Ago 2022 10:31 - di Lucio Meo

E’ un Berlusconi ottimista e carico quello che lancia il centrodestra, Meloni e Salvini verso la vittoria, nel giorno degli accordi-ammucchiata del centrosinistra, con la chiamata alle armi della sinistra e di Di Maio alleati con Calenda, draghiani e anti-draghiani insieme per battere la destra, senza poter poi governare…

La sinistra che sa solo denigrare

Berlusconi, in una lunga intervista al Messaggero, attacca il metodo “comunista” degli insulti e della demonizzazione dell’avversario, che lui ben conosce: “Da parte delle sinistre vedo i prodromi di una campagna solo di denigrazione dell’avversario. Non riescono a dire nulla sul loro programma. Forse perché sono in disaccordo su tutto. Da parte nostra invece parliamo di contenuti, del nostro progetto per far ripartire l’Italia. E lo facciamo con un linguaggio sereno e rispettoso. Parliamo delle riforme del fisco, della burocrazia, della giustizia. Parliamo degli interventi a favore dei giovani e degli anziani. Parliamo della libertà di spesa in contante almeno sino a 10.000 euro. E di tanti altri miglioramenti della vita dei cittadini”, afferma al quotidiano romano.

I programmi del centrodestra di governo

“Possiamo vincere. Dopo 14 anni gli italiani possono scegliere finalmente da chi essere governati, e sceglieranno noi. Il premier? Sarà una proposta che spetta a chi nella coalizione ha preso più voti, naturalmente in accordo con gli alleati. E poi sarà il Capo dello Stato a prendere la decisione definitiva. Mi auguro sia possibile presentare agli italiani prima delle elezioni alcune figure di prestigio scelte tra i protagonisti della cultura, dell’economia e del volontariato, oltre naturalmente ai nostri parlamentari più bravi”.

Berlusconi e i giudizi su Meloni e Salvini

Con il centrodestra al governo, dove si collocherebbe l’Italia al livello internazionale? Berlusconi rassicura tutti. “L’Italia si collocherebbe esattamente dov’ è ora, dalla parte dell’Europa, dell’Occidente, dell’Alleanza Atlantica, degli Stati Uniti, della libertà. Per noi questo è assolutamente irrinunciabile, ma non ho dubbi anche per quanto riguarda i nostri alleati”. Poi il Cavaliere parla dei due leader alleati, con parole di stima e di incoraggiamento per entrambi. “Cosa hanno in comune con me? Giorgia, la determinazione e il coraggio, Matteo la capacità di parlare agli italiani e anche quella di saper ascoltare”. Esclude però la  fusione tra Lega e Forza Italia? “Siamo due forze diverse, con culture politiche diverse e ci rivolgiamo ad elettorati diversi. E non abbiamo mai ipotizzato un progetto di fusione”.  Mara Carfagna e Mariastella Gelmini? “Non me lo aspettavo, e ovviamente non ho motivo di sentirle. Del resto, non devono spiegazioni a me, ma alla loro coscienza e agli elettori che le hanno votate”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA