Anche Bertinotti sfotte la sinistra: “Usata per far governare Calenda, la destra non si batte così”

7 Ago 2022 9:57 - di Marta Lima

Lui, leader storico della sinistra italiana, che a Romano Prodi fece vedere i sorci verdi, quel pastrocchio, quell’ammucchiata con Calenda, Letta e Di Maio, non l’avrebbe mai fatta. Fausto Bertinotti, ex leader di Rifondazione comunista, da giorni ripeteva che la sinistra avrebbe dovuto stare fuori dall’alleanza con il Partito democratico e oggi, su Repubblica, lo conferma in una lunga e dura intervista.

Bertinotti demolisce la “sua” sinistra

Stare fuori dagli inciuci? “Sarebbe stata l’occasione per provare a rinascere. Riconosco che è più facile farlo nel conflitto che in un’elezione, ma bisogna provarci mettendo a frutto le esperienze recenti in Europa, a cominciare dalla lezione Mélenchon. Non c’era neanche in Francia. Non sarebbe mai esistito senza una rottura profonda nella società francese: gli studenti in piazza, la mobilitazione contro la riforma delle pensioni, i gilet gialli. È nato un movimento fuori dai partiti e contro il sistema”. Fausto Bertinotti ce l’ha con i leader della sinistra che hanno sbagliato tutto, facendo un favore a Letta e Calenda: “L’accordo stabilisce una gerarchia tra un fronte neo-conservatore e i portatori d’acqua. C’è un alleanza tra il Pd e Calenda, che è il socio di maggioranza e che propone un patto leonino nei confronti degli altri che vi vogliono accedere”.

La destra? Non basta urlare che fa paura…

La destra a governo spaventa il centrosinistra al punto da fargli inglobare anche le “frattaglie” senza voti, come direbbe Calenda. Ma escludere significava perdere? “Perché stando dentro si vince? A decidere la contesa sarà il 50 per cento che non vota. Dovrebbe essere il destinatario principale di una proposta di alternativa: ma imprigionati in questa alleanza non si ha credibilità nei confronti di quel mondo…

Pessimo il giudizio di Bertinotti su Calenda: “E’ un conservatore stampo liberale. Uno che attacca il reddito di cittadinanza, l’unica misura presa per alleviare la povertà. La destra al potere fa paura? Paura è una parola che in politica userei solo per la guerra. La destra va combattuta in nome della capacità di mobilitare le masse popolari. Uno degli elementi della destra reazionaria è l’uso politico dell’immigrazione, che si può combattere solo se la sinistra sa costruire una lotta generale per l’uguaglianza che coinvolga tutti gli ultimi”, conclude l’ex leader di Rifondazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA