Meloni: noi già pronti al voto, dobbiamo vederci subito con gli alleati per stabilire le regole

21 Lug 2022 20:14 - di Redazione

“Abbiamo avuto tre governi diversi con tre maggioranze diverse. Ce n’è uno che ha funzionato? No. La storia ci ha dato ragione. Perché gli unici governi che funzionano sono quelli a maggioranza coesa. La parola agli italiani”. Lo ha scritto su Fb Giorgia Meloni, l’unica che non esce con le ossa rotte da una crisi che FdI aveva largamente previsto asserendo che non era possibile governare con una maggioranza raccogliticcia.

Un concetto che ha ribadito anche a Tg2 Post, dove ha commentato anche la data del voto, fissata dal cdm per il 25 settembre. “Francamente – ha detto – non ci aspettavamo di arrivare al voto il prossimo 25 settembre, nel senso che la dipartita di questo governo è stata parecchio rocambolesca, per certi versi inaspettata. Comunque, pronti al voto siamo sempre stati e lo siamo anche ora…”.

“Siamo pronti a votare a settembre, per noi la gran parte di lavoro è già stata fatta – ha aggiunto – in questi anni, ma non si deve altro che ribadirla, riassumerla e raccontarla anche meglio… Mi pare che siano maggiormente in difficoltà altri partiti che in questa veloce campagna elettorale dovranno tentare il modo per reinventarsi, riscoprire una propria identità o darsene una nuova…”. Meloni allude alla fine del campo largo, sul quale aveva ironizzato in mattinata anche un altro esponente di FdI, Andrea Delmastro, per il quale il campo largo è ormai un “camposanto”.

“Le uniche elezioni che piacciono al Pd – è stata un’altra delle battute della leader di FdI – sono le primarie perché sono una competizione tra loro esponenti che non possono mandare a casa…”.

Meloni ha parlato anche degli alleati di centrodestra: ”Ho apprezzato la presa di coraggio degli altri partiti della coalizione adottata nelle ultime ore”. Questo certo facilita” i nostri rapporti all’interno della coalizione. Certo che ci vedremo, penso che ci si debba vedere quanto prima, siamo già al lavoro da questo punto di vista, perché i tempi sono stretti. Il punto non è fare le foto insieme ma darci delle regole. Dobbiamo vederci nelle prossime ore e stabilire quali sono le regole”.

”Siamo indisponibili – ha concluso – a fare alleanze variabili. Io penso che quando sei una squadra e ti avvii a una battaglia la prima regola è che si vince o si perde insieme. E se si vince si governa insieme e se si perde, si sta all’opposizione insieme”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA