Governo, Meloni: «Tutti a casa: elezioni subito». Lega e Forza Italia d’accordo: finisce qua

14 Lug 2022 8:16 - di Federica Parbuoni
governo

L’uscita del M5S dall’Aula al momento del voto sul dl Aiuti ha un solo possibile esito per il centrodestra: la fine dell’esperienza di governo e le elezioni. Tutti i partiti avevano già ampiamente anticipato la posizione, sia nei giorni scorsi sia ieri nelle lunghissime ore di patemi grillini durante le quali il Movimento faticava a trovare una linea. L’hanno poi confermata ieri, quando a tarda serata finalmente Giuseppe Conte ha sciolto la riserva annunciando che oggi i senatori pentastellati non voteranno la fiducia.

Meloni sulla crisi di governo: «Basta, pietà. Tutti a casa: elezioni subito»

«Guerra, pandemia, inflazione, povertà crescente, caro bollette, aumento del costo delle materie prime, rischi sull’approvvigionamento energetico, crisi alimentare. E il governo “dei migliori” è immobile, alle prese con i giochi di palazzo di questo o quel partito. Basta, pietà. Tutti a casa: elezioni subito!», ha commentato Giorgia Meloni.

La telefonata tra Salvini e Berlusconi: «Piena sintonia»

Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, poi, si sono sentiti al telefono per concordare una linea comune del centrodestra di governo e hanno fatto sapere di essere in «piena sintonia». I due leader si risentiranno oggi, ma le rispettive posizioni sono state già esplicitate. «La Lega – ha chiarito ieri sera il Carroccio – non ha cercato né voluto alcuna crisi e assiste con viva preoccupazione a quanto sta accadendo nel campo della sinistra». «L’Italia non può permettersi un assurdo, logorante e infinito tira e molla sulla pelle dei cittadini mentre gli stipendi non aumentano, l’inflazione e le bollette salgono e alcuni provvedimenti (dalla pace fiscale all’autonomia) sono fermi», hanno chiarito ancora i leghisti, dopo che lo stesso Salvini già nel pomeriggio di ieri aveva avvertito che «se i Cinquestelle escono dall’aula, si va a votare».

Tajani: «Da M5S grave irresponsabilità. Non sosterremo altri governi»

Per Forza Italia è stato poi Antonio Tajani, a giochi pentastellati ormai chiusi ad avvertire via Twitter che «la decisione del M5S di non partecipare domani al voto di fiducia sul dl Aiuti è un atto di grave irresponsabilità assunto, per interessi di parte, in uno dei momenti più difficili dell’Italia. Dopo Mario Draghi non sosterremo alcun governo».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA