Travaglio e i pacifisti del Fatto contro le Frecce Tricolori: un’eccellenza sbertucciata in prima pagina

venerdì 3 Giugno 10:16 - di Gabriele Alberti
Frecce Tricolori Travaglio

Inopportuna  vignetta contro le Frecce Tricolori in prima pagina sul Fatto Quotidiano oggi in edicola . Ogni giorno dalla mattina alla sera ci rombano sulla testa le Frecce tricolori” è il testo che accompagna il disegno di una persona non meglio identificata che pare appoggiata su un cuscino (il disegno di Mannelli non è chiarissimo). Impossibilitata a riposare per via del rombo della nostra pattuglia acrobatica che fa sognare il mondo. Ma non Marco Travaglio. Cavalcando le polemiche che ogni tanto accompagnano le nostre Frecce, il disegno del vignettista il giorno dopo la celebrazione della parata del 2 giugno rappresenta il  graffio di quel filone di antiitalianità sempre in servizio.

Travaglio contro le Frecce tricolori: la vignetta

Sempre accolte dagli applausi scoscianti delle persone con il nasino rivolto all’insù, la Pattuglia acrobatica Nazionale ha portato le sue esibizioni in 48 paesi del mondo – dall’America alla Russia, dal Nord Europa al Medio Oriente e al Nord Africa –. Ha steso lascia del  Tricolore sui luoghi più belli ed in occasione degli eventi più significativi della storia del nostro Paese e non solo. Un simbolo di italianità e senso di appartenenza, ma di  professionalità di tutte le Forze Armate: espressione delle capacità e della perizia. Ecco che allora, per distinguersi, spesso la sinistra ha tuonato spesso a intervalli regolari contro lo spreco di denari per le Frecce Tricolori. Guarda caso, i soldi all’Anpi sono sacrosanti, ma per un’eccellenza italiana no. In questa occasione le Frecce e tutta la parata è finita nel mirino dei pacifisti italiani. Niente armi, avevano chiesto  sinistra e grillini. La concomitante guerra tra Russia e Ucraina secondo loro avrebbe dovuto indurre a non insistere sulla parte militare della parata di giovedì. In tale ottica anche l’esibizione delle Frecce non è piaciuta ai pacifisti del Fatto.

Vignetta sul Fattp

Le polemiche da radical chic contro le Frecce Tricolori

Anche in passato a sinistra si sono inventati di tutto, dall’inquinamento ai costi che la pattuglia acrobatica avrebbe causato. Discorsi tipici da radical chic. Bisogna dire che le polemiche non hanno mai fatto presa. Tanto più che anche fuori dai confini nazionali tutti rimangono estasiati dalle acrobazie di uno spettacolo tutto italiano. Ieri i tanti turisti a Roma riprendevano il volo con i loro cellulari. Non dimentichiamo, poi,  lo stupore inantato  di Trump che postò addirittura dai suoi canali social (prima che lo oscurassero) un video con una loro esibizione e la scia tricolore. Con il commento: “Gli Stati Uniti amano l’Italia”. Forse per questo il Fatto ha un conto aperto con le Frecce tricolori, chissà.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *