La piccola Elena Del Pozzo è stata uccisa: la mamma ha confessato e ha fatto ritrovare il corpo

14 Giu 2022 11:28 - di Vittorio Giovenale
elena del pozzo

La madre della piccola Elena, ha confessato l’uccisione della piccola. Il ritrovamento del corpo della piccola Elena Del Pozzo, senza vita, è stato reso possibile in seguito alle pressioni degli inquirenti durante gli interrogatori che da ieri sono andato avanti senza sosta. La notizia del rinvenimento del cadavere e’ stato confermato dalla Procura etnea. Sarebbe stata la madre a far trovare il corpo della piccola.

La donna è uscita poco fa dalla sua casa di Mascalucia, con la sua auto, accompagnata dai carabinieri. Nessun altro dato è al momento reso noto. La notizia è stata confermata dal procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro

Si sarebbero trasferiti a Mascalucia, nel catanese, ‘solo’ da qualche anno e per tale motivazione non sono ‘molto’ conosciuti in paese i familiari della piccola Elena. Da quanto trapela pare che i genitori di Elena Del Pozzo non convivono nella stessa abitazione e che il padre della bimba abbia avuto ‘problemi’ con la giustizia con precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti.

Secondo la versione della mamma. la bimba di 5 anni era stata rapita nel pomeriggio di ieri nella zona di Piano Tremestieri da tre uomini incappucciati che l’avrebbero sottratta alla madre nei pressi dell’asilo.

Genitori, nonni, zii e familiari: è l’elenco delle persone sentite dai carabinieri di Catania, tra stanotte e le scorse ore, nell’ambito delle indagini avviate dopo quello che sembrava il sequestro di Elena Del Pozzo, la bimba di cinque anni prelevata mentre era in auto con la madre a Piano Tremestieri nel Catanese. I familiari sono stati sentiti più volte nella sede del comando di Piazza Verga, a Catania.

A denunciare il sequestro era stata ieri la madre della bambina, raccontando l’accaduto. Gli investigatori, coordinati dalla Procura distrettuale di Catanoa, hanno avuto stamattina una ricostruzione maggiormente dettagliata e un quadro più chiaro che li ha portati a individuare la pista giusta. Il padre della bambina, in passato, è stato denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti e indagato anche per una rapina, reato, quest’ultimo, da cui è stato poi assolto per “non avere commesso il fatto”. La coppia è giovane, poco più che ventenne, ha avuto dei dissidi personali, non apparentemente gravi e vive in case separate.  In queste ore è arrivata la drammatica e clamorosa svolta.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA