Cingolani teme più gli speculatori di Putin: “Il gas non manca, qualcuno da una tastiera ha deciso di alzare i prezzi”

martedì 21 Giugno 13:05 - di Penelope Corrado
Cingolani gas

“Perché nel pieno di una guerra, la cosa migliore che ha saputo fare il Ttf (la Borsa del gas ndr) è stata alzare il prezzo? Le imprese e le famiglie soffrono non perché manca il gas, ma perché qualcuno da una tastiera ha deciso di alzare i prezzi”. Così il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, nel suo intervento all’Assemblea pubblica di Elettricità Futura.

“Ho sentito tante critiche in questi giorni, ma questa non l’ho sentita. Ho sentito dire che i mercati non vanno turbati. Ma cos’altro dovrebbero fare”. La politica del governo italiano sull’energia per Cingolani è “spingere sulle rinnovabili e sulla convivenza col gas in questa fase, disaccoppiare la borsa termoelettrica da quella sulle rinnovabili (è uno scempio pagare l’elettricità prodotta con le rinnovabili come se fosse pagata col gas), imporre un price cap europeo per tagliare i picchi dei costi”.

Cingolani chiede un tetto al prezzo del gas

“In questo momento il gas è così costoso – spiega ancora Cingolani – che gli operatori non riescono a metterci i soldi”, un punto “su cui riflettere”. Quindi “mentre cerchiamo di tenere gli stoccaggi in sicurezza – se no ci ritroveremo in deficit energetico, black out, chiudiamo le produzioni e questo non ce lo possiamo permettere – mentre facciamo questa operazione e dobbiamo cercare di aiutare gli operatori a fare gli stoccaggi, nello stesso tempo dobbiamo andare molto veloci perché questo ci aiuta in tempo reale a ridurre il bisogno di gas”.

Quindi i “messaggi sono: convivenza in tempo reale di rinnovabili e gas, riducendo il gas e aumentano il più possibile le rinnovabili; disaccoppiare borsa termoelettrica da borsa rinnovabile, è uno scempio che io produco con idroelettricità o solare e pago come se avessi prodotto a gas; price cap europeo; per il resto credo serva una profonda operazione di informazione”. Quanto al piano presentato da Agostino Re Rebaudengo, presidente Elettricità Futura, è “molto ben congegnato, sostenibile e realistico e se avremo un po’ di fortuna potremo rendere ancora meglio soprattutto nella fase iniziale”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • fabio dominicini 22 Giugno 2022

    Una delle varie manchevolezze del presente Governo è quella di avere permesso indiscriminate e palesi speculazioni che vanno dal gas, alla benzina e su qualsiasi acquisto nei negozi e supermercati. Un Governo consapevole e responsabile avrebbe dovuto intervenire e frenare questi incontrollati ed ingiustificati aumenti e multare coloro che hanno moltiplicato i loro guadagni alle spalle dei cittadini.