Osnato: «La crescita delle imprese ostacolata da burocrazia, accesso al credito e politiche Ue»

lunedì 2 Maggio 11:30 - di Redazione
osnato

Il deputato Marco Osnato, membro della commissione Finanze e responsabile di FdI per i rapporti con il commercio, impegnato nella Conferenza programmatica nei lavori del tavolo “Liberi di creare ricchezza”, affronta il tema dei vincoli, italiani ed europei, che «invece di aiutare le imprese a fare sviluppo, occupazione e ricchezza, le ostacolano». «Il primo – spiega – è la burocratizzazione. Si possono fare tutti i Pnrr del mondo, ma finché lo Stato non lascia un po’ di serenità all’imprenditore, che è costretto a mille adempimenti, difficilmente si riuscirà a incentivare chi vuole fare impresa, e sopratutto i giovani».

Osnato: «Imprese penalizzata da burocrazie, accesso al credito e politiche Ue»

Altro tema è quello dell’accesso al credito. «È sempre più difficile, nonostante le banche abbiano molte risorse da poter investire nelle imprese», grazie ai vari accordi Basilea. Gli istituti di credito, sottolinea Osnato, «fanno veramente fatica a prestare denaro con tranquillità e velocemente». Infine, c’è la questione europea. L’Ue, infatti, «con la scusa di creare aggregazione tra le imprese, continua a limitare quella che è la ricchezza del tessuto socio-economico italiano, ovvero la piccola e media impresa, che a nostro modo di vedere soprattutto in momenti di crisi – sottolinea Osnato – è stata la salvezza della nostra Nazione».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *