Covid, il virus entra dalle vie aeree, si riparte da lì: il vaccino per bocca o naso può ridurre i contagi

martedì 10 Maggio 14:07 - di Redazione
vaccino bocca naso

La mucosa delle alte vie respiratorie è il primo ingresso Sars-CoV-2. Ebbene, uno studio propone e spiega anche le concrete possibilità che un vaccino anti-Covid somministrato per bocca o naso possa aiutare ad alzare la barriera contro il contagio da Covid. Per un team di scienziati, infatti, l’ultima frontiera vaccinale potrebbe essere una strategia praticabile, in grado di ridurre sia la malattia che la trasmissione per via aerea. È la conclusione a cui approdano gli autori di uno studio pubblicato su Science Translational Medicine, e visibile online, nel quale si riportano i risultati di un test condotto su animali con un candidato vaccino a vettore adenovirale.

Lo studio sul vaccino per bocca o naso

«I vaccini contro il coronavirus Sars-CoV-2 attualmente approvati», somministrati tramite iniezione, «sono in grado di proteggere i vaccinati da infezioni sintomatiche, ospedalizzazione e morte per Covid. Tuttavia, non prevengono completamente l’infezione», fanno notare gli scienziati del Duke Center for Human Systems Immunology and Department of Surgery, dell’azienda Vaxart e del Lovelace Biomedical Research Institute, che hanno approfondito il possibile ruolo di un’altra immunità, quella della mucosa. «Sono necessarie strategie finalizzate a bloccare la trasmissione, che rallentino la diffusione del virus e proteggano dalla malattia», ragionano.

Il passo in più contro il virus col vaccino per bocca o per naso

Per gli esperti , infatti, «ci sarebbe un vantaggio sostanziale nello sviluppo di vaccini» con queste potenzialità. La variante Omicron, infatti, «sembra più in grado di evitare l’immunità indotta dal vaccino rispetto alla variante Delta e ha causato una notevole ondata invernale di infezioni, creando una grave carenza di operatori sanitari», per esempio negli Usa. E considerato che «la maggior parte del mondo ha optato per l’immunizzazione. Compresi tutti i bambini under 5, e la maggior parte dei 5-12enni. La possibilità che un vaccinato con infezione post-iniezione scudo possa diffondere il virus a familiari o membri della comunità non immunizzati, rappresenta un rischio».

L’esperimento dei criceti nel dettaglio

Gli scienziati hanno quindi sviluppato un candidato vaccino. E per valutarne l’impatto lo hanno somministrato per via orale o intranasale ai criceti. Dimostrando che questi avevano risposte anticorpali «robuste e cross-reattive». Gli autori hanno quindi indotto un’infezione post vaccinazione. E hanno osservato che i criceti vaccinati per via orale o intranasale avevano una diminuzione dell’Rna virale e del virus infettivo. Sia nel naso. Che nei polmoni. E presentavano meno patologie polmonari rispetto agli altri. I roditori sono stati esposti in una camera a flusso d’aria unidirezionale per essere vaccinati per via mucosale. Quelli infettati avevano un Rna virale inferiore nel tampone nasale e mostravano meno sintomi clinici rispetto agli animali di controllo. Questo, spiegano gli autori dello studio, suggerisce che la via della mucosa riduce la trasmissione virale.

«I nostri dati dimostrano che l’immunizzazione della mucosa è una strategia da considerare»

Dunque, affermano i ricercatori che hanno lavorato allo studio, affermano: «I nostri dati dimostrano che l’immunizzazione della mucosa è una strategia da considerare». Il motivo per concentrarsi su questo “passaggio” del virus è presto detto: «La mucosa del tratto respiratorio superiore è il sito iniziale di replicazione di Sars-CoV-2 e il sito primario di infezione – evidenziano gli scienziati Usa –. E di conseguenza gli interventi che inducono risposte immunitarie della mucosa robuste possono avere il maggiore impatto sulla riduzione della trasmissione di Sars-CoV-2». Da qui la scelta di esplorare questa strada. I vaccini adenovirali orali che gli scienziati hanno sviluppato, la ricerca li ha poi somministrati a oltre 500 persone. E sono stati «ben tollerati e in grado di generare robuste risposte immunitarie umorali e cellulari agli antigeni espressi».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *