Bignami: “Bologna come Pechino, arriva il Grande Fratello Cinese: la follia del credito sociale (video)

martedì 3 Maggio 19:01 - di Guglielmo Federici
Bignami

Siamo a Bologna. Oppure in Cina. Si vede che l’esperienza del Covid ha fatto aumentare ancora di più l’attrazione di certa classe politica italiana verso i modelli cinesi. E così, dopo tracciamenti massicci della popolazione, perdite di pezzi di libertà, ora arriva un’altra misura che in Cina già è in atto da diverso tempo. Stiamo parlando del cosiddetto “credito sociale”. Galeazzo Bignami in una diretta Fb ci informa e ci illustra questa follia. Ossia quella formula per cui se fai esattamente come prescrive lo Stato avrai dei vantaggi economici; se invece non ti adegui sono guai. Ad esempio, in Cina – il modello è quello , visto che si tratta “della più antica città a tradizione comunista” – ai cittadini “disobbedienti” è stato impedito l’acquisto di voli aerei. Bignami è furibondo. Questo esperimento ora è in rampa di lancio in Emilia Romagna, e precisamente a Bologna. In cosa consiste?

Bignami: “Si inizia col Green pass e si finisce col credito sociale “

Il progetto di Bologna  verrà probabilmente reso disponibile a partire da questa estate. Si chiama “smart citizen wallet”,: “E già quando ci si nasconde dietro temini inglesi c’è la fregatura”. E’ il  “portafoglio del cittadino virtuoso”, come è stato definito dall’Assessore all’Agenda Digitale Massimo Bugani ex grillino ora a sinistra. Consiste nell’ottenere punti. Se tu usi la carta di credito sociale puoi maturare crediti diventare un bravo cittadino: esempio, se  tu prendi i mezzi pubblici e non usi la macchina. Se non inquini, se usi bene gli elettrodomestici in casa per risparmiare, acquisisci punti, buoni sconto. Usi bene la differenziata? Punti in più. Più ripetti le regole e ti adegui, più acquisisci lo status di bravo cittadino. E’ una forma di controllo”.

 

Bignami: “Col Green pass si è creato un precedente”. Cos’ è il credito sociale

Ancora: “sei bravo se vai, ad esempio, alla Casa della Cultura  a sentire lezioni sui migranti o – chessò –  Romano Prodi che parla. Non sei bravo se vai, però, ad ascoltare Francesco Borgonovo che presenta un libro”. La malafede dove sta?  “Il credito sociale – dicono- è  su base volontaria. Ma poi si finisce con l’essere  sottomessi e supini a questo nuovo sistema di controllo. “Noi di FdI lo avevamo detto fino all’inizio: cedere piccole porzioni di libertà individuale, come è stato fatto sul green pass avrebbe creato un precedente. Che poi qualcuno vuol far diventare regola: è lo Stato – in questo caso la rossa Bogna- che detiene la tua libertà”. Ma FdI farà le barricate, promette Bignami.  Anche perché  Bologna non rappresenta un unicum, è uno dei tanti esempi che si stanno diffondendo a macchia d’olio.  Dal locale poi si passerà al nazionale e ne vedremo delle belle. L’esperimento, l’ennesimo sulla nostra pelle.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *