Il ministro Kuleba: dateci le armi per combattere e vincere, così la guerra non si espande

giovedì 7 Aprile 8:40 - di Redazione
Kuleba

Lo definisce un patto equo. “Credo che il patto che l’Ucraina sta offrendo sia equo. Voi ci date armi, noi sacrifichiamo le nostre vite e la guerra viene contenuta in Ucraina”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, a margine della riunione dei ministri degli Esteri dei paesi Nato.

Iewri, in una intervista al Tg 1, aveva detto che l’Ucraina continua un dialogo che si fa sempre più difficile con la Russia. “Continuiamo a parlare con la delegazione russa anche se devo dire che è diventato difficile e doloroso parlare con i russi dopo che abbiamo appreso delle atrocità nei territori occupati, degli stupri di donne e bambini, delle torture, delle uccisioni di massa e delle fosse comuni, ma tutte le guerre finiscono con un accordo e dobbiamo far tornare la pace e salvare le vite dei civili”.

“L’Ucraina sta combattendo una guerra anche per voi, per la sicurezza europea – ha aggiunto Kuleba – Avete visto nell’ultimo mese che sappiamo come combattere e come vincere. Putin rispetta la forza e non la debolezza e percepisce quando c’è paura. E’ arrivato il momento di cambiare strategia: smettete di compiacere Putin, che è responsabile dell’escalation“.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha espresso apprezzamento per il quinto pacchetto di sanzioni dell’Ue, ricordando su Twitter lo stop al carbone russo, alle navi che accedono ai porti dell’Unione europea e agli operatori del trasporto su strada.

”Ma ci vorrà un embargo sul gas e sul petrolio e un de-Swift di tutte le banche russe per fermare Putin. Tempi difficili richiedono decisioni difficili”, ha aggiunto Kuleba.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi