Exit poll, Macron al 57,2. Marine le Pen al 42,8, raddoppia i voti rispetto al primo turno

domenica 24 Aprile 20:16 - di Redazione

Gli exit poll delle 20, appena si sono chiusi i seggi elettorali in Francia, assegnano la vittoria a Emmanuel Macron con il 57.2%. Si ferma al 42.8% Marine Le Pen. Un ottimo trampolino di lancio per le legislative di giugno. La leader del Rassemblement al primo turno aveva raggiunto il 23,1%.

Nel 2017 Macron aveva ottenuto il 66,1% dei voti contro il 33,9% di Le Pen. Emmanuel Macron si trova in una posizione diversa da allora, non è più un candidato nuovo, quello che aveva fatto irruzione sulla scena politica cinque anni fa con la promessa del rinnovamento. Oggi raccoglie i voti dei ceti garantiti e dell’establishment, non sfonda tra i giovani e nelle periferie.

L’astensione al secondo turno delle elezioni presidenziali francesi ha raggiunto la cifra record del 28,8%, secondo le stime per Ifop.

Marine Le Pen ha parlato di “vittoria eclatante” per il risultato raggiunto e ha ringraziato i compatrioti “dell’oltremare, della campagna e delle province”. Una “Francia troppo dimenticata che non non dimenticheremo”. Ha promesso ancora il suo impegno per eliminare le fratture che “fanno soffrire i nostri connazionali”. Per le prossime legislative – ha concluso – “cercheremo di unire tutte le forze che si sono opposte a Macron”.

Secondo La Libre ed LN24, la candidata del Rassemblement national ha ottenuto il 69,60% dei voti a Guadalupe, il 60,87% a Martinica, il 60,70% nella Guyana, il 55,42% a Saint-Martin e Saint-Barthélemy, e il 50,69% a Saint-Pierre-et-Miquelon. Il presidente uscente è in testa solo nella Polinesia francese, con il 51,81%. L’astensione è stata del 57,75%.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *