Ucraina, bambini nel mirino dell’orrore: raid su un altro ospedale pediatrico. Meloni: atrocità inaccettabili

giovedì 10 Marzo 11:12 - di Ginevra Sorrentino
bambini Ucraina

Il bombardamento sull’ospedale pediatrico di Mariupol, che ospitava reparti di maternità, partorienti, neonati e piccoli degenti in cura, è l’attacco più agghiacciante di queste due settimane di guerra. E il sangue di quei civili indifesi rimarca il limite estremo, oltrepassato con orrore, dei confini che separano l’umano dal diabolico, varcando irreversibilmente la soglia della disumanità. Lo ribadisce, tra indignazione e dolore, Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia. Che in una dichiarazione su quanto accaduto ieri con il raid russo sul nosocomio popolato da mamme e bambini, dichiara: «Il bombardamento del reparto maternità e di quello pediatrico dell’ospedale di Mariupol lascia senza fiato. Un’atrocità insopportabile. Un atto brutale delle Forze armate russe. E un crimine disumano ai danni dei più indifesi. Una delle pagine più buie dell’aggressione russa all’Ucraina che non dimenticheremo».

Ucraina, bambini nel mirino: bombardati due ospedali a ovest di Kiev. Uno è un centro pediatrico

Le immagini di devastazione e morte. Dolore e terrore che le bombe sganciate dagli aerei russi hanno scatenato, raccontano l’orrore di uno strage di bambini che nell’Ucraina invasa e sotto attacco, sembra non avere fine. Ma il volto incrudelito di una guerra senza confini è tornato a mostrarsi ancora oggi, a poche ore dalla strage di ieri, con i caccia russi tornati a bombardare due ospedali: a Zhytomyr, a ovest di Kiev. Lo ha reso noto il sindaco della città appena colpita, spiegando che uno dei due ospedali centrati dal raid è – ancora una volta – un ospedale pediatrico. Al momento non si hanno notizie di vittime.

Kiev, 4 morti tra cui bambini, in un raid russo vicino a Kharkiv

E non è ancora tutto purtroppo. Quattro persone, tra cui due bambini, sono state uccise dopo che un palazzo residenziale vicino alla città di Kharkiv è stato bombardato nella notte dalle forze russe. Lo hanno reso noto i servizi di emergenza ucraini. Precisando che l’attacco è avvenuto nel villaggio di Slobozhanske, a sud est dell’Ucraina. Nel bombardamento è rimasta ferita anche una bambina di cinque anni, portata in ospedale per essere curata. I soccorritori, intanto, continuano le operazioni di ricerca sotto le macerie. E l’esercito russo a infierire su civili indifesi. Su donne e bambini, vittime innocenti di una crudeltà che non ammette argine all’orrore.

«Zelensky posta il video dell’ospedale pediatrico bombardato: Fermate le atrocità»

Notizie, immagini, che il presidente Zelensky ieri ha commentato in un video postato sul suo canale Telegram, tornando ad appellarsi alla no fly zone. A chiedere un intervento di tutti per scongiurare l’abisso. «Persone sotto le macerie. Bambini sotto le macerie. Questa è atrocità!», sono le parole del leader ucraino. Che poi conclude drammaticamente: «Per quanto ancora il mondo sarà complice nell’ignorare il terrore? Chiudete subito il cielo, fermate subito gli omicidi! Avete il potere. Qui si sta perdendo l’umanità».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *