Suicidio assistito, Pedrizzi: “Il Parlamento consideri la dottrina sociale della Chiesa”

giovedì 17 Marzo 12:54 - di Redazione
suicidio assistito

Nel corso della conferenza stampa di ieri alla Camera dei Deputati organizzata dall’on. Antonio Palmieri e dall’avv. Domenico Menorello e’ stata presentata la lettera che sarà inviata a tutti i parlamentari per richiamare la loro attenzione sul disegno di legge sul suicidio assistito. Si è trattato di illustrare le linee guida della rete delle 70 associazioni laicali di ispirazione cristiana creata per formulare proposte e suggerimenti ai parlamentari sui temi eticamente sensibili.

Suicidio assistito, l’intervento di Pedrizzi

Nel corso del suo intervento, il presidente nazionale del CTS dell’’UCID (Unione cristiana imprenditori e dirigenti) Senatore Riccardo Pedrizzi, ha sottolineato la bontà della decisione di unire tutte le forze cattoliche su temi eticamente sensibili e non negoziabili, a conferma di un impegno diretto nella società e nella politica come anche sostenuto nella Lectio magistralis del Cardinale Parolin. «Dal disegno di legge Zan a quello sul suicidio assistito il Comitato Scientifico dell’UCID ritiene che le questioni che attengono il diritto naturale vadano affrontate dal punto di vista antropologico, sostenendo sempre la centralità della persona, secondo l’insegnamento della Dottrina sociale della Chiesa basata sui principi della sussidiarietà e della solidarietà».

Il contributo del mondo cattolico

«Il nostro contributo, quello degli imprenditori e dei dirigenti cattolici, nella sua originalità e specificità può offrire a tutte le altre associazioni di ispirazione cattolica la propria esperienza e la propria testimonianza per un’economia ed una finanza al servizio dell’uomo. È tutti insieme possiamo essere preziosi nei prossimi appuntamenti legislativi per parlamentari di tutti gli schieramenti e di ogni orientamento, come emerso anche da questa utile e proficua presentazione della lettera/documento delle 70 associazioni di ispirazione cattolica».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *