Meloni a Draghi: «Il Green pass un successo? Ma per favore, ha distrutto il tessuto socio-economico»

venerdì 18 Marzo 9:06 - di Sara De Vico
Il Green pass un gran successo? Giorgia Meloni non si piega alla narrazione del governo dei ‘migliori’. Che ha messo in ginocchio famiglie e imprese. “Draghi annuncia fiero che il Green pass è stato un grande successo. Certo, se l’obiettivo era quello di mandare al macero l’intero tessuto socio-economico. Un successone”. La leader di Fratelli d’Italia commenta così su Facebook la fine dello stato d’emergenza che si protrae da due anni. Un incubo dal quale gli italiani faticheranno a uscire. Anche a causa dei continui stop and go di Palazzo Chigi e delle contraddizioni del governo con ministri e sottosegretari a parlare mille lingue.

Green pass, Meloni: un ‘successone’ del governo

Nel decreto che regolamento il post 31 marzo serpeggia il ricatto del ministro Speranza che prosegue sulla strada dell’allarmismo per la serie “la guerra non è finita”. “Io dò per scontato che non si possa prorogare lo stato d’emergenza”, ha detto una settimana fa la leader di FdI dai microfoni di Sky. “Per la verità non si doveva prorogare da prima. Dopodiché non capisco come si possa non prorogare lo stato di emergenza e mantenere una misura come il Green pass. Fortemente impattante, che lede diritti costituzionali come quello al lavoro, la libertà. Si può fare in una fase emergenziale non in una fase di normalità”.

L’incubo Speranza tra le pieghe del decreto

Insomma altro che successo. Il certificato verde rischia di accompagnare gli italiani ancora per molto, green pass a vita, ha tuonato la Meloni. La leader di Fratelli d’Italia dedica un post anche all’anniversario dell’unità d’Italia. “Nei momenti più difficili gli italiani hanno sempre dato prova della loro forza. Un popolo orgoglioso e fiero, che non piega la testa di fronte a nulla. Oggi, nell’anniversario dell’Unità Nazionale, continuiamo a tenere alto il nostro Tricolore”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *