Lamorgese balbetta sulla sicurezza, FdI: “Ponzio Pilato al suo confronto era un decisionista” (video)

giovedì 31 Marzo 11:51 - di Adriana De Conto
Lamorgese

Ministro Lamorgese, il suo dicastero è nel caos. Oltre ai soliti fenomeni di violenza si stanno aggiungendo le azioni criminali delle cosiddette baby gang. La vostra idea di integrazione e il modo di percepire la sicurezza è un disastro completo”. E’ il commento di  Giorgia Meloni dai suoi profili social, un giudizio sconsolato. In Aula, davanti alla ministra dell’Interno, Fratelli d’Italia ha messo  in chiara luce tutti i fallimenti del dicastero da lei guidato. La Lamorgese ha balbettato sul caso degli stupri continui a Milano. Ma anche su tutto il resto. come dimostra il video postato stamattina dalla leader di FdI.

Milano, ammette,  è «in una situazione particolare», ma alla fine il Viminale, par di capire, non può garantire molto. Si risolve in una giornata parlamentare inutile – come al solito- quella della ministra degli Interni Luciana Lamorgese incalzata dal centrodestra nel corso di un’audizione nella commissione parlamentare di controllo su Schengen;  e poi  rispondendo in maniera insufficiente alla Camera, nel «question time», alle domande di Fratelli d’Italia. E lo ha fatto con impegni considerati insufficienti anche dal deputato (milanese) Marco Osnato e dall’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato. Sono stati i deputati  Davide Galantino, insieme a Galeazzo Bignami, ad attaccare duramente Luciana Lamorgese nei loro interventi.

FdI: “Ministro Lamorgese, Ponzio Pilato in confronto era un decisionista”

«Dai continui sbarchi di immigrati alle manifestazioni di Roma, dalle violenze di piazza Duomo a Milano al rave party di Viterbo fino ai fatti di Centocelle a Roma che hanno registrato due tunisini aggredire e violentare madre e figlio: lei sta sempre a guardare, decide di non intervenire e fa lo scaricabarile su tutto ciò che gli viene contestato. In confronto, Ponzio Pilato era un decisionista» hanno dichiarato in aula. «Fratelli d’Italia cerca di offrire proposte concrete provando a contribuire alla risoluzione dei problemi, ma quel che manca è la volontà politica e la competenza da parte del Governo» hanno aggiunto e concluso i due esponenti. L’idea di integrazione e di sicurezza sono un disastro. Uno dei disastri più macroscopici di questo governo.

L’ira dei poliziotti: ma quali assunzioni….

Nel comitato Schengen, Lamorgese ha minimizzato il tema dei migranti irregolari, sottolineando in pratica che il problema non è nuovo in Italia. Il ministro ha risposto trincerandosi dietro un impegno fumoso: “Aumentate risorse e agenti a Milano e Napoli“. Ma la realtà è diversa e a sbugiardare la ministra è stato Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia di Stato: “La seria problematica della carenza d’organico nella Polizia di Stato, giustamente affrontata dal ministro Lamorgese, non sarà risolta con le nuove assunzioni: già previste nel piano pluriennale 2018-2025. Anzi, la situazione è destinata a peggiorare. Poiché entro il 2027 il Corpo andrà incontro all’ulteriore perdita di circa 10.000 unità; che andranno ad aggiungersi ai tanti pensionamenti. Uno stato di cose rispetto al quale l’immissione di circa 5.000 poliziotti entro il 2025 rappresenta solo un pannicello caldo”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *