Covid, le nuove regole valide anche per chi era in quarantena prima del decreto. Cosa c’è da sapere

sabato 5 Febbraio 16:06 - di Agnese Russo
quarantena

Dopo l’ultimo decreto Covid, che ha modificato tra l’altro le regole della quarantena a scuola, ministero dell’Istruzione e ministero della Salute chiariscono come comportarsi alla luce delle nuove norme, anche nel caso in cui le misure restrittive siano scattate prima dell’entrata in vigore del provvedimento.

Le nuove regole sulla quarantena a scuola in vigore per tutti

Viale Trastevere lo ha fatto aggiornando le Faq. «La durata di cinque giorni della quarantena per contatto stretto prevista in ambito scolastico» dall’ultimo decreto Covid, «si applica anche a coloro per i quali è in corso la durata della quarantena di dieci giorni?», è la prima domanda, che interessa le famiglie che si sono trovate a cavallo tra le vecchie e le nuove disposizioni. «Sì, si applica anche ai soggetti che, alla data di entrata in vigore del decreto, ossia del 5 febbraio, siano già sottoposti a tale misura senza che sia ancora cessata ovvero che si trovino in quarantena da almeno cinque giorni». «Resta fermo, in ogni caso, che la cessazione della misura è condizionata all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare eseguito alla scadenza di detto periodo», chiarisce il ministero, spiegando che anche le disposizioni assunte dalla scuola si devono adeguare alla nuova normativa.

I bambini in Dad con due positivi rientrano subito in classe

E, ancora, «a seguito di due casi di positività in una classe di scuola primaria è stata disposta la misura della didattica a distanza a partire dal giorno 4 febbraio con la ripresa delle attività didattiche in presenza a partire dal giorno 14 febbraio. Alla luce delle nuove disposizioni contenute cambia qualcosa?». «Sì – spiegano da Viale Trastevere – le misure già disposte dalla scuola ai sensi della previgente normativa sono ridefinite in relazione a quanto previsto dalla nuova norma. Pertanto, in questo caso, l’attività didattica riprende in presenza a partire da lunedì 7 febbraio con l’utilizzo delle mascherine Ffp2, considerato che nella scuola primaria fino a quattro casi di positività nella classe le attività continuano in presenza con l’utilizzo della mascherina Ffp2 per 10 giorni a partire dall’ultimo caso accertato».

La riduzione della quarantena extra scolastica

Per quanto riguarda il ministero della Salute, invece, il chiarimento è arrivato attraverso una circolare firmata dal direttore della Prevenzione sanitaria del ministero della Salute, Gianni Rezza. Vi è ribadito, in particolare, che per chi non è vaccinato contro Covid-19 o non ha completato il ciclo vaccianale, in caso di contatto stretto con una persona positiva a SarS-Cov-2, la quarantena si riduce da 10 a 5 giorni. «Fatta salva la disposizione dell’autosorveglianza per coloro che hanno ricevuto la dose booster o che hanno completato il ciclo vaccinale primario entro 120 giorni, che sono guariti entro 120 giorni o che sono guariti dopo il completamento del ciclo primario, per tutte le altre fattispecie la quarantena per contatto stretto è pari a 5 giorni con test antigenico o molecolare negativo all’uscita».

Tampone obbligatorio per chiunque manifesti sintomi

«Se durante il periodo di quarantena – si legge ancora nel documentosi manifestano sintomi suggestivi di possibile infezione da Sars-Cov-2 è raccomandata l’esecuzione immediata di un test diagnostico. Inoltre, è fatto obbligo indossare i dispositivi di protezione Ffp2 per i 5 giorni successivi al termine del periodo di quarantena precauzionale».

Per i contatti stretti asintomatici immunizzati, invece, «non è prevista la quarantena e si applica la misura dell’autosorveglianza della durata di 5 giorni». Anche in questo caso, nell’eventualità si presentassero i sintomi, ci si deve sottoporre al tampone, che poi si dovrà ripetere, «se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid 19». In ogni caso è poi «fatto obbligo» di indossare la mascherina Ffp2 per almeno 10 giorni dall’ultima esposizione al caso.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *