Conte defenestrato dal M5S, ma Grillo lo aveva “avvisato”: “Bisogna votare lo Statuto su Rousseau”

lunedì 7 Febbraio 18:18 - di Lucio Meo

La sfuriata contro l’allora capo politico reggente del M5S Vito Crimi, in cui Beppe Grillo, su Facebook, insisteva sul voto per eleggere il collegio direttivo sulla piattaforma Rousseau, intimando Crimi a non mettersi di traverso. Estate 2021, Giuseppe Conte e il garante del Movimento erano ai ferri corti, Crimi minacciava di lasciare il M5S. E Grillo insisteva nel procedere subito al voto del collegio direttivo -la nuova guida del Movimento che avrebbe preso il posto del capo politico- e di farlo su Rousseau. Oggi la sentenza del Tribunale di Napoli che decapita il Movimento dà ragione a Grillo e mette nei guai Conte e i suoi, Casalino in testa…

Conte defenestrato dal M5S, l’anatema di Grillo

Un post in cui il garante, a proposito della questione sollevata da Crimi -ovvero che la piattaforma gestita da Davide Casaleggio non fosse legittimata a far pronunciare gli attivisti- rispondeva per le rime: “sarebbe proprio il votare su una piattaforma diversa che esporrebbe il movimento, e te in prima persona, ad azioni anche risarcitorie da parte di tutti gli iscritti. Come ti ho sempre detto prima di poter votare su un’altra piattaforma è, infatti, necessario modificare lo statuto con una votazione su Rousseau”, le parole di Grillo.

Il post del Garante che oggi tiene banco nelle chat

Oggi quel post, in una giornata che a molti suona come l”anno zero’ del Movimento, sta rimbalzando sulle chat dei parlamentari grillini, sconvolti da quanto accaduto in queste ore. Un post da molti definito “profetico”, perché il tribunale di Napoli sembra non solo indicare che l’unica strada ora percorribile sia quella di indire -via Grillo- un nuovo voto sul ‘collegio direttivo’, ma anche di poterlo fare sulla piattaforma Rousseau, che in qualche modo appare ‘riabilitata’ dalla sentenza del tribunale partenopeo. Non a caso in queste ore gongolano negli ambienti della Casaleggio associati, con lo stesso Davide che, già nelle prossime ore, potrebbe tornare a far sentire la propria voce a commento del terremoto che ha travolto il Movimento. Del resto, secondo quanto ricostruito dall’Adnkronos, all’epoca era stato lo stesso presidente dell’associazione Rousseau a consigliare Grillo sui contenuti del post che avrebbe mandato su tutte le furie Crimi e gli uomini più vicini a Giuseppe Conte.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *