Violenze di gruppo a Capodanno, Isabella Rauti: «Scandaloso silenzio del Comune di Milano»

sabato 8 Gennaio 14:03 - di Redazione

“Le gravissime violenze sessuali di gruppo ai danni di alcune giovani donne, verificatesi a piazza Duomo a Milano durante la notte di Capodanno, inizialmente sono passate quasi inosservate. E rimaste avvolte nel silenzio”. Isabella Rauti accende i riflettori sulla minimizzazione dei drammatici episodi di stupro avvenuti lo scorso 31 dicembre. “La Procura di Milano ha avviato le indagini. Attraverso i filmati e le testimonianze si spera che i responsabili siano individuati e puniti per gli atti di violenza sessuale di gruppo”, aggiunge la senatrice di Fratelli d’Italia.

Violenze di Capodanno, Rauti: silenzi scandalosi

Che annuncia un’interrogazione al ministro dell’Interno in relazione a quanto accaduto a Milano la notte di Capodanno. “In cui si sono registrate risse, aggressioni. E appunto molestie e violenze sessuali. In un contesto in cui, peraltro, per contrastare la diffusione della pandemia erano state vietate le feste di piazza e ogni forma di assembramento pubblico”.

La minimizzazione del comune di Milano

“La situazione – aggiunge la parlamentare del partito di Giorgia Meloni – non è ulteriormente degenerata soltanto per l’intervento delle Forze dell’ordine. I filmati di quella notte sono sconvolgenti. Per le scene di violenza e per l’impunità ostentata dai predatori sessuali. Per cultura abituati alla sottomissione ed alla subalternità femminile. E lascia allibiti – aggiunge la Rauti –  anche il silenzio dei vertici istituzionali comunali di Milano e di quelli del governo nazionale. Che, al di là delle dichiarazioni di generica condanna dei fatti, non si sono assunti le dovute responsabilità“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *