Va all’asta per la prima volta un capolavoro surrealista di Magritte”: vale 60 milioni di dollari

martedì 11 Gennaio 13:58 - di Redazione
Magritte

“L’empire des lumières” da Sotheby’s a Londra il 2 marzo. Una delle immagini più iconiche dell’arte surrealista del pittore belga René Magritte (1898-1967) sarà offerta per la prima volta all’asta da Sotheby’s a Londra il 2 marzo con una stima superiore ai 60 milioni di dollari. Il dipinto ha una vicenda affascinante.

L’opera fu creata nel 1961 per la baronessa Anne-Marie Gillion Crowet, la figlia del mecenate di Magritte, il collezionista surrealista belga Pierre Crowet, e da allora è rimasta nella collezione di famiglia. Anne-Marie incarnava l‘ideale estetico di Magritte, che ne fece la sua musa. Il dipinto è stato esposto in tutto il mondo: a Bruxelles, Roma, Parigi, Vienna, Milano, Seoul, Edimburgo e San Francisco. “L’empire des lumières” è stato recentemente in prestito al Musée Magritte di Bruxelles dal 2009 al 2020, circondato dalla più bella collezione di dipinti dell’artista al mondo. Prima dell’asta, il dipinto sarà esposto pubblicamente nelle gallerie di Sotheby’s a Los Angeles, Hong Kong, New York e Londra.

Chi fu la sua musa ispiratrice

Il primo incontro di Magritte con Anne-Marie, quando la riconobbe come l’incarnazione della musa, avvenne quando lei aveva 16 anni. Lui le chiese di farle un ritratto. Negli anni seguenti, il suo viso continuò ad apparire in molti dei suoi quadri più importanti. Dal loro primo incontro, i due formarono uno stretto sodalizio. L’artista le inviava piccoli disegni e le mostrava i suoi ultimi dipinti e ne realizzò uno per lei in occasione della nascita di sua figlia. Parte integrante del suo mondo interiore, Anne-Marie giocava a scacchi con l’artista nel suo bistrot preferito; e passava le serate con la famiglia a guardare film di Charlie Chaplin e Buster Keaton.

Magritte, una delle opere più iconiche

Magritte iniziò a lavorare per la prima volta su una versione di questo soggetto nel 1948, tornando sull’idea numerose volte nel decennio successivo; reimmaginando e arricchendo accuratamente ogni nuova composizione. Il gruppo risultante di diciassette oli intitolato “L’empire des lumières” costituisce l’unico vero tentativo di Magritte di creare una “serie” all’interno della sua opera. I dipinti si sono evolute nel tempo pur continuando a parlare l’uno con l’altro, proprio come le notti stellate di Vincent van Gogh e le ninfee di Claude Monet. La serie fu un successo immediato sia per il pubblico che per i collezionisti. Con la prima versione acquistata da Nelson Rockefeller ed esemplari ora conservati nella Collezione Peggy Guggenheim, Venezia, il Museum of Modern Art di New York; The Menil Collection, Houston; e il Royal Museums of Fine Arts of Belgium, Bruxelles. Quello che andrà all’asta è un esemplare tra i più grandi.

Il soggetto potrebbe essere stato ispirato dalla poesia “L’Aigrette” di André Breton, che Magritte conosceva bene, con il verso che apre: “Si seulement il faisait du soleil cette nuit” (“Se solo il sole uscisse stasera”). La combinazione inquietante di una strada buia e notturna sotto un cielo blu brillante è tipica dell’inquietante immaginario surrealista di Magritte.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *