Milano fa paura: branco violento disarma e pesta brutalmente un vigile ai Navigli. Partono due spari (video)

16 Gen 2022 12:25 - di Greta Paolucci
vigile Milano

Milano fa paura: la città del sindaco Sala è fuori controllo. Il problema sicurezza avvinghia cittadini e forze dell’ordine in una morsa sempre più stringente e minacciosa.  Dopo l’orrore delle violenze di Capodanno, quanto accaduto a un vigile in borghese, disarmato e pestato nella notte tra venerdì e sabato a pochi passi dai Navigli, lo dimostra drammaticamente. Una volta di più… Le indagini sono in corso, e la caccia agli aggressori è già partita. Quel che sembra accertato al momento è quanto basta però: l’agente della polizia locale, un 61enne, è appostato in un’auto civetta con un collega. I due devono intervenire a seguito di una segnalazione sulle scorribande in corso da parte di una banda che si sta accanendo con atti vandalici su auto parcheggiate e arredi urbani.

Milano, vigile aggredito e pestato dal branco

Ebbene, come suggerisce una prima ricostruzione dei fatti – e come testimoniano le immagini postate su Instagram dal sito “Welcome to favelas” (clicca qui per vedere il video) – secondo una prima ricostruzione, il vigile vede il gruppo indirizzarsi minacciosamente verso di lui. Scendendo dall’auto, si sarebbe qualificato e avrebbe sparato un colpo in aria di avvertimento. Subito dopo, l’orda di giovani lo circonda. Uno di loro prende alle spalle l’agente e lo disarma con la forza. «Guardate che è carica, deficienti», grida il vigile invano. Mentre gli aggressori cercano di immobilizzargli il braccio per strappargli l’arma dalle mani, gridandogli: «Togli la pistola».

Il vigile spara un colpo in aria per avvertimento, ma viene subito disarmato

A quel punto, una volta immobilizzato e disarmato, scatta il pestaggio: il vigile, buttato a terra, viene colpito con calci e bottigliate. E nella colluttazione parte un secondo colpo che, miracolosamente, finisce in terra e non colpisce nessuno… Il video dell’aggressione, di cui gli stessi protagonisti della violenza hanno ripreso la sequenza e l’orrore, è stato poi postato sui social e ripreso dal sito “Welcome to favelas”. Il resto ce lo dicono gli accertamenti in corso e le immagini dell’aggressione che rimbalzano sul web. E allora: il collega, rimasto chiuso in auto, chiama rinforzi e soccorsi. Mentre il branco (sarebbero stati almeno una decina di ragazzi, tra italiani e stranieri) dopo il pestaggio brutale, fugge e si disperde.

Le immagini dell’orrore in un video postato sui social

Ma da quanto emerge, gli inquirenti al lavoro sul caso potrebbero essere già sul punto di dare un nome a quelle facce riprese da uno smartphone. Non solo: dalle informazioni che trapelano, forse anche una telecamera di video-sorveglianza potrebbe aver filmato la scena e registrato informazioni. Per ora, insomma, il condizionale è d’obbligo. Ma una certezza c’è: la movida a Milano è sempre più sinonimo di violenza. Stavolta è toccato a un vigile: per lui, pestato è lasciato riverso sull’asfalto, la prognosi provvisoria è di 5 giorni. Per la Milano da far west guidata dal sindaco Sala fresco di riconferma elettorale, il verdetto non può che essere più severo.

Frame e link del video dalla pagina Facebook “Welcome to favelas”

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA