San Gennaro, il prodigio della liquefazione del sangue si ripete. La gioia dei napoletani

giovedì 16 Dicembre 20:53 - di Milena Desanctis
San Gennaro

Si è ripetuto il prodigio della liquefazione del sangue di San Gennaro. L’annuncio è stato dato dall’abate della Cappella del Tesoro di San Gennaro monsignor Vincenzo De Gregorio dall’altare del Duomo di Napoli, accompagnato dal tradizionale sventolio del fazzoletto bianco da parte di un membro della Deputazione di San Gennaro. È stata così premiata la speranza dei fedeli che da stamattina si sono recati al Duomo in attesa del miracolo.

Si è sciolto di sangue di San Gennaro

Quello del 16 dicembre è il terzo dei tre miracoli della liquefazione del sangue del Santo patrono di Napoli attesi nel corso dell’anno ed è detto “miracolo laico” perché la cerimonia si tiene nella Cappella di San Gennaro, gestita dalla Deputazione di San Gennaro, organismo laico presieduto dal sindaco di Napoli. Per il secondo anno consecutivo però, il miracolo di dicembre è stato atteso sull’altare del Duomo per permettere l’osservanza del distanziamento previsto dalle norme anti Covid-19.

Il miracolo è avvenuto alle 17.59

Il miracolo è avvenuto alle 17.59, dopo un’intera giornata di preghiere e l’intonazione costante dell’antico canto delle “parenti di San Gennaro”, che hanno invocato da questa mattina lo scioglimento del grumo di sangue solido contenuto nell’ampolla. Lo sventolio del fazzoletto bianco, tradizionalmente affidato a un membro della Deputazione di San Gennaro, quest’anno è stato affidato a Pierluigi Sanfelice di Bagnoli. La teca con le ampolle del Santo patrono di Napoli è stata riposta alle ore 19 nella cassaforte d’argento all’interno della Cappella del Tesoro di San Gennaro. Grande gioia non solo per i presenti ma per tutti i napoletani che oggi ricordano il “miracolo laico”.

Il terzo miracolo di San Gennaro

Quello del 16 dicembre è il terzo “miracolo” atteso e avviene, secondo la tradizione, in ricordo dello scampato pericolo della città il 16 dicembre 1631, quando un’eruzione del Vesuvio sarebbe stata “fermata” dall’esposizione in processione del sangue e del busto del santo. Il 16 dicembre 2020 il miracolo non è avvenuto. Anche a settembre c’era stato il miracolo.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *