Omicron, sul Regno Unito si allunga l’ombra di un nuovo lockdown: Johnson pronto al “Piano C”

sabato 18 Dicembre 13:32 - di Luciana Delli Colli
omicron lockdown

C’è anche il lockdown tra le misure che il governo britannico potrebbe dover assumere per contrastare il diffondersi della variante Omicron e l’aumento esponenziale dei contagi. A rivelarlo è la stampa locale, che dedica al tema del “Piano C” di Boris Johnson diversi retroscena, partendo dal dato estremamente allarmante del numero quotidiano di nuovi casi: ieri sono stati 93.045, con 111 decessi.

La variante Omicron e lo spettro di un nuovo lockdown

Secondo il Financial Times, Johnson avrebbe sul tavolo una serie di opzioni, previste nel cosiddetto Piano C, che vanno da una serie di «moderate linee guida» per «spingere» le persone a seguire le regole, «fino al lockdown». Secondo il quotidiano finanziario, Johnson sarebbe più orientato verso la linea morbida, sebbene non possa nascondere la gravità della situazione e la minaccia rappresentata da Omicron.

Per il Cts britannico «molto presto» serviranno nuove misure

Una serie di documenti del Sage, lo Scientific Advisory Group for Emergencies, il Comitato tecnico scientifico britannico, riportati dalla Bbc, indicano che secondo gli scienziati che affiancano il governo nella lotta al Covid, nuove misure restrittive saranno necessarie «molto presto». Secondo il Times, invece, sono in preparazione le bozze delle nuove regole, che potrebbero vietare i contatti nei luoghi al chiuso, escluse le ragioni di lavoro, mentre pub e ristoranti potrebbero operare solamente con i tavolini all’aperto a partire dal periodo post natalizio.

Downing Street prende tempo

Downing Street, attraverso un portavoce, ha assicurato che il governo «continua ad esaminare attentamente tutti i dati» e le misure restrittive verranno «aggiornate», quando si avranno più informazioni sulla nuova variante.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *