Educazione fisica a scuola, Barbaro: «No ai tagli. Inaccettabile la marcia indietro del governo»

martedì 21 Dicembre 16:27 - di Mia Fenice
Barbaro

«Quello che con serenità di giudizio avevamo salutato come un momento storico importantissimo, la previsione in finanziaria di insegnanti in Scienze motorie nella scuola, si sta sciogliendo come neve al sole». Lo dice Claudio Barbaro, senatore di FdI e presidente di Asi, (Associazioni Sportive e Sociali Italiane), commentando quanto sta accadendo in Senato. «Aver ridotto i fondi per l’educazione fisica nella scuola primaria è delittuoso. Ricordiamo a lor signori che una popolazione più sana ed educata allo sport avrebbe l’effetto di ridurre anche le spese a carico di un servizio sanitario nazionale che paga un conto salato per patologie come ad esempio diabete, obesità, malattie cardiovascolari. E che il benessere psico-fisico si costruisce sin dalla più tenera età. Non dovrebbe essere certo la molla economica a spingere il governo a investire sullo sport, ma forse è questa l’unica voce in grado di essere purtroppo ascoltata».

La prima versione della legge di bilancio

La prima versione dell’articolo 109 del disegno di legge di bilancio approvato da Palazzo Chigi prevedeva una riforma per la quale sarebbe stato finanziato lo sport nella scuola. Centosessanta milioni la copertura che, prima di arrivare a Palazzo Madama, è stata corretta dai ministri dell’Istruzione e dell’Economia. L’entrata in vigore del progetto per l’anno scolastico 2022-2023, ma solo per le quinte classi e l’anno successivo per le quarte e solo nei limiti delle attuali risorse finanziarie.

Barbaro: «Tutto questo è inaccettabile»

«Tutto questo è inaccettabile. Non ci riconosciamo in uno Stato che non investe nella cultura dello sport, nell’educazione al movimento e al benessere fisico sin dai primi anni della vita di un giovane. Dopo un passo in avanti nella direzione giusta assistiamo puntualmente a due indietro. E a pagare dazio, quando si tratta di tagliare fondi, è sempre lo Sport», sottolinea Barbaro proprio il giorno seguente ai Premi Sport&Cultura, organizzati dall’Asi al Salone d’Onore del Coni, che hanno sottolineato l’importanza dello sport proprio per i più giovani.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *