Atreju è anche il villaggio della solidarietà. Mario Pozzi: “Sfatiamo il mito che sia una prerogativa della sinistra”

9 Dic 2021 15:37 - di Redazione

Il cuore pulsante dell’edizione natalizia di Atreju è il mercatino solidale. Le luci, i colori, i volti delle associazioni di volontariato animano Piazza del Risorgimento a Roma e richiamano i valori più profondi delle festività natalizie.

Il villaggio solidale di Atreju richiama il valori più autentici del Natale

Tante le realtà presenti: dall’associazione “Mio fratello è figlio unico ONLUS” che si occupa di bambini nello spettro autistico alla Onlus “Le Coccinelle” impegnata con i bambini con sindrome di Down, fino a “Rosso Bebè APS” e a “Pro Vita&Famiglia ONLUS”, in prima linea nel sostegno alla maternità e alla vita nascente. Spazio anche al mondo delle associazioni di promozione sportiva: l’ASI  raccoglierà fondi a favore del reinserimento lavorativo di donne recluse nella casa circondariale di Rebibbia. L’OPES e l’ENDAS chiederanno il sostegno per iniziative a favore della diffusione dello sport nelle scuole, nelle case famiglia e sul territorio.

Ad Atreju anche il Modavi onlus. Mario Pozzi: “lanciamo da qui le nostre sfide più ambiziose”

Tra queste anche il Modavi, con il suo presidente Mario Pozzi,  vicepresidente di Gioventù nazionale. Veterano ad Atreju nel supportare la logistica e l’organizzazione della più grande manifestazione della destra italiana. “Atreju – spiega Pozzi – per noi non è solo una manifestazione politica, ma l’appuntamento annuale in cui lanciare il cuore oltre l’ostacolo e affrontare sfide sempre più ambiziose dando tutto se stessi. Mente e cuore lavorano in maniera incessante perché questa per noi è “casa” e durante l’evento la stiamo aprendo a tutti, anche agli avversari politici. Ecco perché non si sente la fatica di giorni e giorni passati a dare il massimo: l’unica cosa che conta è riuscire, tutti insieme, nel vincere la sfida, proprio come fa una Comunità”. E di comunità, anche in senso più largo, se ne intende il giovane dirigente di FdI. Da tempo ormai è impegnato nelle politiche giovanili, come membro del board del Consiglio Nazionale Giovani, ma più di recente è stato eletto Presidente Nazionale del MODAVI, il Movimento delle Associazioni di Volontariato Italiano.

I progetti nazionali e internazionali del Modavi onlus

“Il MODAVI è una grande organizzazione che proprio quest’anno compie 25 anni”, dice con una nota di orgoglio Pozzi. “Siamo da sempre al servizio del prossimo, facendo dell’impegno e del dono la nostra missione per aiutare chi vive in condizioni di minori possibilità. Penso ai bambini delle Villas in Argentina che ricevono il nostro sostegno attraverso i volontari che mandiamo ogni anno al Comedor Campana de Palo costruito proprio dal MODAVI molti anni fa. Ci occupiamo in particolar modo di giovani e giovanissimi infatti, in Patria e all’estero, come in Terra Santa dove ci spendiamo da sempre per il benessere di bambini sia israeliani che palestinesi con vari progetti. Di recente, con i nostri volontari in Libano, abbiamo avviato delle attività anche con i piccoli ospitati nei campi profughi della zona. I nostri volontari operano anche a Londra e altri stanno partendo per il Portogallo.

Mario Pozzi: ” la nostra attenzione è rivolta ai giovani”.

Ma non ci fermiamo qui, abbiamo intenzione di andare i supporto alla popolazione, anche in tutte quelle strade del mondo segnate dalla persecuzione dei cristiani. In Italia conduciamo campagne di sensibilizzazione presso le Istituzioni, nelle scuole e in tutti gli spazi di aggregazione giovanile contro tutte le droghe e le mafie, la violenza in ogni sua forma e in particolar modo il bullismo e il cyberbullismo”.

La campagna nazionale SOS Natalità

Ed è proprio durante Atreju che il MODAVI, presente con una sua “casetta” ha lanciato la sua campagna a sostegno delle famiglie in difficoltà. Si chiama SOS Natalità e prevede donazioni per raccogliere beni di prima necessità. Latte in polvere, omogeneizzati, pannolini e altro da donare alle famiglie con figli con minori possibilità economiche e alle madri vittime di violenza. “Il nostro impegno nel sociale – chiosa Pozzi – è a prescindere dalla appartenenza politica di chi presiede l’organizzazione o dei singoli volontari. Sicuramente però – conclude – la mia esperienza sfata il mito che vuole farci credere che la  solidarietà sia una prerogativa della sinistra”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA