“Sovranità nazionale, il cammino di un’idea”: la presentazione lunedì 29 alla Fondazione An

venerdì 26 Novembre 10:42 - di Redazione
sovranità

L’appuntamento è per lunedì 29 novembre alle ore 18, presso la Sala “De Marsanich” della Fondazione Alleanza Nazionale (Via della Scrofa 43 Roma). Sarà presentato il libro “Sovranità italiana. Il cammino di un’idea da Virgilio ai nostri giorni” di Leonardo Giordano, edito da Historica Giubilei.

“Sovranità italiana”, i relatori

Parteciperanno alla presentazione Gianni Alemanno (ex sindaco di Roma che ha curato la prefazione del libro); Francesco Giubilei (editore); Domenico Maria Bruni (docente di Storia Contemporanea all’Università LUISS di Roma); Marco Gervasoni (ordinario di Storia contemporanea all’Università degli Studi del Molise). All’incontro, che sarà moderato da Aldo Di Lello (giornalista e scrittore), sarà presente l’Autore.

Le tappe di un lungo cammino

Leonardo Giordano, anglista e cultore di storia contemporanea, ci accompagna nel suo libro nel lungo itinerario che l’idea di “sovranità nazionale”  ha percorso dai tempi remoti di Virgilio e Plinio il  Vecchio sino ai nostri giorni. Le varie tappe di questo lungo cammino sono segnate dall’elaborazione intellettuale di poeti, scrittori, artisti e politologi di diversa, e spesso, contrapposta, estrazione culturale ed ideologica, nonché da vari “temi essenziali” su cui di recente si è avvertita una forte “sottrazione di sovranità”.

Le parole di Leonardo Giordano

«Questa raccolta di articoli e di saggi brevi ‒ ha dichiarato l’autore ‒ è da intendere come un punto di partenza più che un traguardo. Essa intende essere una suggestione per approfondire i temi dell’identità e della sovranità nazionale e popolare, che sempre più spesso vengono demonizzati nel dibattito politico-culturale in tutta Europa. Alla dittatura del politicamente corretto non è bastato che avveduti intellettuali, pure da sempre schierati a sinistra, abbiano cominciato a rivedere le loro posizioni in materia di confini, di sovranità monetaria, di preservazione dell’identità nazionale. Ma proprio per questo non bisogna rinunciare alla battaglia delle idee e alla guerra delle parole, rinunciando a difendere e sviluppare concetti decisivi per dare un futuro di libertà al nostro popolo».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *