Nuovo femminicidio in Emilia. Un uomo di 71 anni uccide la moglie a coltellate e tenta il suicidio

giovedì 18 Novembre 20:40 - di Redazione

Ancora un femminicidio in Emilia. Che allunga la triste scia di morte che vede vittime donne, moglie o ex compagne. Questa mattina un uomo ha ucciso la moglie e ha poi tentato il suicidio. È successo a Montese sull’Appennino in provincia di Modena. Secondo quanto emerso dalle prime ricostruzioni un uomo di 71 anni – che sembra soffrisse di Alzheimer – ha ucciso la moglie con un coltello- Poi ha tentato di togliersi la vita. Al loro arrivo i sanitari lo hanno trovato in gravi condizioni, ma vivo. È stato trasportato immediatamente all’ospedale di Baggiovara.

Femminicidio nel Modenese: uccide la moglie e tenta il suicidio

È il terzo delitto in tre giorni nella provincia emiliana. Dopo la strage familiare del 17 novembre a Sassuolo e il caso di Carlo Evangelisti. Il 48enne che il giorno prima ha ucciso la madre a Modena.  Stordita la popolazione. Anche il mondo della politica

“Di ennesima strage in pochi giorni, parla Benedetta Fiorini, deputata emiliana della Lega. “La mia vicinanza alla bambina sopravvissuta a tutti i familiari e parenti delle vittime. Purtroppo siamo davanti ad un allarme sociale. Un fenomeno che sta dilagando sempre più. Nella nostra provincia siamo purtroppo al terzo delitto in tre giorni. Fatti di una violenza inaudita”, osserva con preoccupazione. “Femminicidi che riportano alla luce tutte le fragilità della nostra società. Serve un lavoro congiunto, uno sforzo di tutte le rappresentanze politiche e delle istituzioni affinché si creino le condizioni per impedire queste stragi a danni di poveri bambini innocenti e donne”. Vanno, oggi più che mai, anche educate le nuove generazioni al rispetto della donne e dei soggetti fragili. “Mi attiverò personalmente – conclude la legista- per sensibilizzare ulteriormente il Parlamento e interrogherò i ministri competenti perché si attivino sul territorio“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *